Pellami esotici aboliti da Chanel

Mai più coccodrillo, lucertola, serpente e pastinaca da Chanel!
0
85

Un altro importante passo verso un futuro della moda cruelty-free ed eco-friendly è stato fatto nelle ultime ore, ovvero da quando la pregiata maison francese Chanel ha dichiarato che nelle prossime creazioni non saranno più utilizzati pellami esotici quali coccodrillo, lucertola, serpente e pastinaca.

La rivoluzione parte da subito: sul sito Chanel, fra i filtri di ricerca non appare più la sezione “exotic”. Le borse in coccodrillo? Sparite!

Bruno Pavlovsky, presidente di Chanel SAS ha dichiarato che nonostante la richiesta sia alta è sempre più difficile trovare pellame esotico che rispetti standard etici e qualitativi. Il loro focus, per quanto concerne il pellame, sarà continuare a lavorare con l’industria agroalimentare e con fornitori certificati e tracciabili. Finalmente, anche Chanel si unisce ad altri grandi brand di moda quali Versace, Armani, Gucci, Burberry, Prada e Michael Kors che negli ultimi tempi hanno abolito le pellicce dalle loro collezioni.

Karl Lagerfeld ha specificato, comunque, che proprio le pellicce non erano un punto focale della maison: “Se guardate le vecchie collezioni, noterete che le pellicce sono davvero poche”. Quanto alla questione dei pellami esotici, l’head designer ha dichiarato: “Il problema principale era l’approvvigionamento, ma, in ogni caso, non era questo il fulcro del business di Chanel (riferito alle collezioni exotic). Abbiamo preso questa decisione, ma non è stata un’imposizione, bensì una libera scelta”.

Da amanti di Chanel, conferiamo in pieno: non sentiremo di certo la mancanza della 2.55 in coccodrillo! Del resto, le borse classiche Chanel sono sempre state in pelle di vitello. Così come i capispalla più iconici hanno sempre avuto il tweed quale protagonista assoluto, mai la pelliccia.

Sarà la volta buona che anche Hermès lasci in pace quei poveri coccodrilli?