Caffè Concerto Cucchi: un progetto speciale di Cristina Celestino

In occasione della Milano Design Week 2019 la designer Cristina Celestino prosegue la sua personale rivisitazione dei luoghi simbolo della città di Milano.
0
79

In occasione della Milano Design Week 2019 la designer Cristina Celestino prosegue la sua personale rivisitazione dei luoghi simbolo della città di Milano, questa volta tocca alla storica Pasticceria Cucchi di Corso Genova 1. La pasticceria, fondata nel 1936 come “Caffè Concerto” da Luigi Cucchi e dalla moglie Vittorina, offriva ai suoi avventori serate animate da un’orchestrina spagnola che suonava fino a tardi balli appena arrivati dagli Stati Uniti e offriva inoltre un servizio di cucina. Per la Milano Design Week la Pasticceria Cucchi si veste di un nuovo abito che riguarda gli interni, la parte del dehors e la facciata esterna della Pasticceria. La designer Cristina Celestino per questo progetto speciale si è ispirata al tema del Caffè Concerto, reinventando uno dei locali storici dei milanesi e omaggiando la città e le sue tradizioni così come ha fatto con Tram Corallo, in occasione della scorsa Milano Design Week.

fashionnewsmagazine.com

Il progetto è stato pensato come uno scambio creativo tra passato e presente con lo sguardo verso il futuro. In esso convivono sapientemente materiali pregiati, colori vivaci e texture differenti, senza rinunciare a singolari spunti ironici. Ogni attività della pasticceria, dalle uniformi del personale disegnate ad hoc al design dei dolci e delle confezioni, fino ai dettagli legati alla mise en place vengono coinvolti.

La realizzazione delle nuove divise è stata affidata a Massimo Giorgetti, direttore creativo di MSGM. Giorgietti si è mostrato orgoglioso di partecipare al progetto come main sponsor, sposando da subito il progetto di Cristina Celestino, trovandovi una forte affinità nell’intento di omaggiare Milano e i suoi luoghi simbolo. Già per la collezione donna FW 2018, con una lettera d’amore alla città, aveva rieditato i loghi dei locali storici più rappresentativi di Milano tra cui anche la Pasticceria Cucchi. Per questo progetto Massimo Giorgetti ha inoltre rielaborato le uniformi del personale della caffetteria, camicie in popeline stampato, foulard e papillon di seta sono stati ripensati in chiave MSGM ed in totale armonia con la creatività della designer Cristina Celestino. A Budri è stata invece affidata, su disegno di Cristina Celestino, la realizzazione dei nuovi piani intarsiati in marmo “Canditi” per i tavoli del dehors. Mentre le sedie saranno le Stripes di Et al. Kundalini invece illuminerà la Pasticceria Cucchi con 5 chandelier e con alcune lampade da terra. Ma le collaborazioni non finiscono qui, anzi proseguono! Cosi Cristina Celestino presenta per Caffè Concerto Cucchi la sua prima collaborazione con Misha: Oasi. Un paesaggio surreale – con frutti di lampone oversize arricchiti da ricami, bande cromatiche e minipattern metallici – si staglia sul prezioso tessuto da parete in seta suddiviso in tre grandi pannelli e diventa lo sfondo per la Sala da tè. Il nome “Oasi” allude a questo paesaggio ibrido che contamina l’atmosfera borghese della pasticceria generando uno scenario inaspettato. I raffinati tendaggi che la designer ha voluto inserire nella pasticceria, sono realizzati da due tessuti con consistenze differenti quasi a creare un gioco di pesi diversi. La leggerezza del tessuto rigato “Nemour” prodotto con il più fine filo di seta esistente, su antico telaio del 1800 e creato per la famiglia dei Duchi di Nemour, viene abbinato allo spessore del velluto monocromatico in cotone con eccellenti brillantezze, nei toni del salmone e del bordeaux; i vestiti con spacco centrale delle sedute sono in velluto colore bordeaux, mentre le basi delle vetrine in tessuto rigato Nemour. Il paravento a 3 ante, disegnato dalla designer per la prestigiosa manifattura francese “Mirage”, trova collocazione sulla soglia della Sala da tè. I Clerici Tappezzieri per il progetto si sono invece occupati della manifattura di tutto l’apparato tessile, che comprende i tendaggi con i diversi tessuti accoppiati, il modello di “vestito” delle sedie storiche della pasticceria ed il rivestimento tessile nella base delle vetrine, mentre Offi ha pensato ad elementi verdi o floreali amplificati, distorti, fuori scala rispetto al contesto o dai colori alieni, soprannaturali, onirici. Preziosi galloni crochet multimaterici con effetto random nella disposizione delle trame rivestono la parte alta del mobile retro-bancone ed impreziosiscono i banconi refrigerati. Alamari personalizzati completano il disegno dello spacco sul retro della “sedia vestita” sono stati invece realizzati da L’Antica Fabbrica Passamanerie MV 1843. Mentre i tessuti metallici Inntex sono stati scelti dalla designer per la loro inaspettata leggerezza, lucentezza e trasparenza e sono utilizzati abbinati al velluto, nei tendaggi che fanno da sfondo alle vetrine e come cornice alla soglia antistante la Sala da tè. A completare il tutto scatole in ceramica smaltata, vasi in ceramica e vetro della collezione Storia – Dolce Vita, disegnati dalla Celestino per Paola C nel 2017 .

Franciacorta lifestyle partner di Cristina Celestino durante la Design Week, per il secondo anno consecutivo, allestirà all’interno della Pasticceria, da oggi al 14 aprile, un esclusivo Franciacorta Bar nel quale si potranno scoprire le diverse tipologie e degustarle in abbinamento ad un menù realizzato ad hoc.

fashionnewsmagazine.com