Milano Fashion Week: le presentazioni tra Eterno Rigore e Fantasy Pattern

Non solo le sfilate, ma anche le presentazioni di questa Milano Fashion Week, ci hanno fornito tantissimi spunti per la prossima season.
0
758

La Milano Fashion Week è appena finita, rigorosamente in versione DIGITAL, ha saputo comunque regalarci forti emozioni e tantissimi spunti di stile. Non solo le sfilate, ma anche le presentazioni di questa Milano Fashion Week, ci hanno fornito tantissimi spunti per la stagione FW 21\22. Scopriamo insieme quali:

Eterno Rigore

Sono forme scultoree quelle presenti nella nuova collezione firmata Gabriele Colangelo per la Milano Fashion Week. Come quelle nelle giacche e nei cappotti in lana double, nei pantaloni dritti in lana castagna e nelle camicie e completi dal taglio maschile.

Come sempre con GIADA, la purezza delle linee e le silhouette eleganti nascondono una costruzione sofisticata. I cappotti sono slanciati e allungati, con spalle accentuate per esaltare postura e presenza; la maglieria imita le trame organiche dei tessuti con effetti illusionistici. Le mantelle regolabili con collo a cratere in diverse lunghezze sono un leitmotiv della collezione; indossate su asciutti cappotti da città o su abiti eleganti con gonna plissettata a ruota, aggiungono interesse visivo alle forme limpide, raffinate.

Un Mix di capi dal sapore austero e militare quelli presentati per questa Milano Fashion Week da Andrea Pompilio. Il sartoriale ha tessuti particolari, lussuosi che ricordano la tradizione italiana. Capi spalla in double di cachemire e dettaglio a contrasto, cappotti e suit con grandi bottoni dorati realizzati con feltri tipici delle coperte dei soldati. Ritorna il tema militare, rubato alla memoria del guardaroba del nonno Ufficiale.

Themoirè presenta, per la prossima stagione, la THETIS bag e la baguette DIONI. Borse è perfette sia per il giorno, sia per la sera, dalle forme geometriche e lineari e dalla palette cromatica molto naturale:dall’ecru, fino alle sfumature più calde. I materiali scelti per la produzione delle borse sono vegetali, riciclati e rigenerati, partendo dal prodotto, passando per le fodere interne, fino ad arrivare al filo in nylon.

IURI presenta la sua FW 21/22 durante la Milano Fashion Week, una collezione 100% Made in Italy di advanced modern accessory fortemente ispirati al mondo del design. Come la BALLOON bag, una vertical handle/shoulder bag dalle forme pulite e sofisticate, o la  TANKER bag dallo shape semirigido fortemente geometrico. Infine la CONTAINER bag con le tradizionali grafiche scannellature verticali in 3D, sintesi grafica della I di IURI.

Attraverso una reinterpretazione dei modelli classici, Valextra presenta le sue bags in nuove versioni in cui il nero china è accostato a tonalità chiare e naturali, che creano un forte contrasto cromatico che va ad enfatizzare le linee pure e i volumi plastici della sofisticata estetica del brand.

Vento d’Oriente

Sara Wong presenta alla Milano Moda Donna la collezione aw 21/22. In tutto 39 look che ripercorrono la tradizione dell’antica cultura mongola mixata a elementi che, ancora oggi, caratterizzano lo stile del popolo: bustini, fasce di tessuto utilizzate al posto delle cinture, colletti alti e ricchi ricami.

SONOYO, per questa collezione, si ispira ai cartoni animati del Sol Levante tratti dalle storie dei manga, colorati ed ironici, giocosi e k-pop. Tutto ciò si traduce in tracolle che possono essere intercambiate grazie alle diverse cover presentate in morbido piumino trapuntato, glitter glam, orsetto teddy, piume eteree, stampe orientali, optical mesh e vernice.

È un mix tra culture, oriente e occidente, quello raccontato durante la Milano Fashion Week da Hui. Una collezione dove gli opposti convivono: maschile e femminile, intensità e leggerezza, il fascino della via della seta e il rigore british. Magliera oversize scaldata da ricami jacquard; macro cappe e loden su profili fluidi; sensuali sete, coat e blazer.

Amato Daniele presenta una collezione che celebra le affascinanti atmosfere dell’estremo oriente, partire dal drago a cui il designer dedica parte della collezione fw 21/22. Accanto a draghi ricamati in lurex oro su pannelli di velluto di diversi colori, fanno capolino delle minuterie metalliche ispirate al coccodrillo, che impreziosiscono hand bags e pochettes.

Fantasy Pattern

Maryling prende ispirazione dall’astratta e cinematografica pixilation, dai geometrismi casuali dipinti sui muri di mattoni di Londra e dal minimalismo concettuale delle illusioni ottiche firmate François Morellet per la sua nuova collezione. Mantelle, cappotti e pocho over ricchi di motivi geometrici, maglie audaci dai colori brillanti e gonne e dress in morbida seta.

Cuoio di Toscana sigla una collaborazione con il guru Simone Guidarelli per la nuova collezione presentata durante la Milano Fashion Week. Simone Guidarelli nel ruolo di direttore creativo della collaborazione, ha disegnato per il brand Made in Tuscany, una selezione esclusiva di capi, calzature e accessori cool dedicati ad altrettante blasonate eroine della storia d’Italia recente. Oriana Fallaci, Anna Magnani, Grazia Deledda, Rita Levi Montalcini, Nilde Iotti e Alda Merini. Per la prima volta un materiale naturalmente green e solitamente destinato alla fabbricazione delle suole per le calzature diventa un tessuto non tessuto con cui plasmare abiti e accessori pratici e raffinatissimi. La cifra del creative director marchigiano, si traduce nella creazione di una signature print ideata in esclusiva per Cuoio di Toscana: una fantasia floreale stilizzata, chic e ludica trasposta sul cuoio in cui campeggia fiero un gallo, simbolo di Firenze e d’ora in poi anche di Cuoio di Toscana.

L’obiettivo della collezione di Alpha Studio è esplorare una nuova prospettiva nella visione della maglieria e della sua capacità di essere vissuta nel quotidiano e interpretare gli stati d’animo di chi la indossa. Un’estetica precisa in cui lo scambio continuo tra tradizione e mix di stili diversi danno vita a un minimalismo che non rinuncia a combinazioni eclettiche non solo nei colori ma nell’uso e nell’accostamento sapiente di filati pregiati, dettagli tecnici e disegni grafici.

La natura e i suoi molteplici e affascinanti aspetti, sono raccontati nella nuova collezione firmata Momonì. In una fusione di aspetti rustici e tradizionali, con elementi visivi irregolari, si mescolano le stampe esclusive e ricercate. Grisaglie maschili stretch richiamano paesaggi immersi nella nebbia e nel crepuscolo e stampe in twill di seta rileggono il mondo naturale.

Winter Games

Bally presenta durante la Milano Fashion Week, una collezione che rende omaggio ai 170 anni del brand. Tra i look, gli irrinunciabili cappotti in lana d’alpaca spazzolata con stampa monogram jacquard e i dolcevita a costine emanano un’eleganza strutturale, che ben si sposa al fascino classico dei motivi trapuntati e Principe di Galles. Infine le texture e i materiali come i jersey di lana che incontrano l’alpaca peruviana e stoffe miste riciclate, tinte con melagrana e corteccia, mediante processi a basso impatto ambientale e con certificazione GOTS.

Il Brand animal fur friendly Alabama Muse, si incanta nel sound musicale di ascendenza rock e si lascia avvolgere dalle atmosfere pop dei maestri del cinema contemporaneo come David Lynch e Quentin Tarantino. Il risultato esplode in un arcobaleno di colori squillanti che sa di vita, ribelle e impertinente, libera e fuori dagli schemi. Capispalla rivisitati da intarsi e accostamenti cromatici audaci, pellicce rosse, gialle, viola e nere. Infine gli accessori come: colli, shopping bag in ecofur, stole, guanti e cappelli ampi e con pon-pon.

Nuove silhouette, materiali in antitesi, ricerca di colori, forme inedite per OOF WEAR per la nuova collezione presentata durante la Milano Fashion Week. Ecofur stampate, eco-montoni reversibili, il bomber paillettato e il piumino cropped e over in ovatta REPREVE 100% riciclata, un vero must have. Infine focus sugli accessori, come cappelli e borse di diverse dimensioni e forme che si incantano con l’eco pelliccia e con il nylon imbottito.

Check!

Gilberto Calzolari fa delle geometrie a quadri il fil rouge dell’intera collezione. Dal check rosso del maxi cappotto “plaid” avvolgente in lana ECO, all’abito impalpabile stampato a griglia su chiffon crépon certificato GOTS; alla stampa a quadri dal sapore vintage anni ’60 per l’abito con tasche coulisse, ai grafismi dell’abito e della gonna trapuntata con imbottitura eco Thermore.

Comfort e sartorialità, questi sono gli abiti della nuova collezione che Eleventy presenta durante la Milano Fashion Week. Giacche multipocket, maxi cardigan, peacoat in sofisticati principe di galles e desiderabili coulotte in microcheck sartoriali. Volumi morbidi e tagli semplici. Soffici blouson dalle maniche arrotondate, camicie oversize in shearling o in un candido velluto a coste,  versatili shacket in tweed spinati, abiti dall’elegante soft design o mossi da tagli diagonali che creano fluidità ed asimmetrie.

Sognando Parigi

Materiali unici e silhouette inedite, qualità e tecnologia, tradizione e innovazione, nella collezione firmata Paciotti, presentata durante la Milano Fashion Week. Si intitola Hard Decò ed è presentata attraverso uno short movie, girato a Parigi. Sexy sandali, boots dal tacco fino, laccati rossi o neri, una collezione romantica, gotica e decò, in cui couture, sensualità provocazione ed eleganza, si uniscono in una cornice sognante.

Philippe Model Paris rievoca i codici estetici e lo spirito della Parigi a cavallo tra gli anni ’70 e ’80 con la sua nuova collezione. Un periodo di grande fermento culturale, di ribellione nei costumi e di sperimentazioni in ogni ambito. Una collezione all’insegna dei contrasti; l’argento laminato e i dettagli glitter si alternano ai colori del viola e bluette e al bianco optical. I nylon si mescolano al suede e alla pelle con dettagli animalier, mentre la palette è composta dal viola, ocra, verde bosco, bordeaux a contrasto con i bianchi e neri.

Ricagno, durante la Milano Fashion Week, presenta la sua nuova collezione di calzature iper-femminili e 100% Made in Italy, ispirate questa stagione a Parigi. I tessuti ricordano quelli d’arredo tipici degli hôtel particulier e delle residenze del Marais. Broccati e velluti, eclettici, cozy e cocoon, rimandano immediatamente alle atmosfere piacevoli degli antichi palazzi nobiliari. Le silhouette pulite ed essenziali sono arricchite da dettagli preziosi, come le spirali metalliche che avvolgono i tacchi sonori e le raffinate piume in degradè che ombreggiano le caviglie. Infine i golden boot e i sandali, illuminano già l’inverno prossimo venturo. 

Scarpe Color Block

Giuseppe Zanotti vira verso una femminilità più esplicitamente sensuale con la nuova collezione presentata durante la Milano Fashion Week. Come “Kate Gloss”, un over-the-knee boot in vinile stretch, caratterizzato da un fondo chunky ma leggerissimo. Riscrive invece l’eleganza quotidiana, “Malick”, un mocassino in morbida vernice naplak rosa fluo.

L’armonia dei contrasti crea equilibrio, un equilibrio che esplora tendenze agli opposti per costruire una proposta vivace e ricca di declinazioni nella collezione Baldinini. Minimalismo anni ‘90, tinte pastello e classici intramontabili come il sabot. Quest’ultimo, diventato oggetto del desiderio per ogni donna dopo oltre 40 anni dalla sua creazione, è oggi rieditato in vitello classico da sapienti mani artigiane in 5 varianti colori e cucitura a mano.

Yatay debutta alla Milano Fashion Week, con il nuovo Video Manifesto “How To Make a Yatay”, che si sviluppa intorno a tre temi principali: materiali e produzione, sostenibilità, stile. Scarpe dal carattere pop con colori vivaci dai nomi nomi bizzarri come: Ice ice baby (grigio), Sposami! (bianco), Limoncello, please (giallo), Who’s There? Non ti vedo (nero), Pasta al Pesto (verde).