Ecco i Changemakers. Nove Creativi Made in England che Vogliono Cambiare il Mondo

Vi presentiamo in anteprima i changemakers 'Made in England' in competizione per il premio del BFC. I vincitori saranno annunciati a settembre.
0
477

Molti sono ormai gli articoli su FNM che riguardano la sostenibilità. Nell’ambito della moda, del beauty e del nostro stile di vita in generale. È chiaro inoltre che sono sopratutto le piccole aziende, brand o singoli individui che innescano grandi cambiamenti. Questi sono i ‘changemakers‘, coloro che fanno accadere dei cambiamenti positivi. Il BFC – che organizza la London Fashion Week – ha deciso di premiarli. Infatti, in collaborazione con Swarovsky, ha appena lanciato il concorso BFC Changemakers Prize.

Tre sono le categorie che rispecchiano anche i tre pilastri della sostenibilità: Ambiente, Persone, Comunità e Artigianalità.

Individui e piccole aziende che hanno un grande impatto. Con questo non vogliamo sminuire le inizative eco-sostenibili di grandi brand come Burberry o dell’acclamatissima Bethany Williams vincitrice del BFC Designer Fashion Found 2021. Nel video qui sotto avrete una panoramica dei changemakers coinvolti. 

Si va dalla hairstylist che promuove la Black community all’agenzia di modelli con disabilità e chi promuove tessuti e artiginalità del Bagladesh. Passiamo attraverso aziende che organizzano e ricliclano tessuti per altre aziende e brand eco-sostenibili. Finiamo con individui che uniscono artigianalità e comunità. Quest’ultima categoria include aziende di ricamo, sartorie di alta gamma o che riuniscono talenti e capacità per progetti eco-sostenibili.

Un changemaker per categoria sarà annunciato il 2 settembre. Se siete interessati a conoscere tutte le 9 nomination trovate ulteriori dettagli qui. Noi di FNM vi faremo sapere tra poco più di un mese i vincitori dei £ 7.500 e dettagli della loro attività.