Intervista a Luna Melis: la sua storia e la sua idea di perfezione

A tu per tu con la protagonista della settima puntata di PERFETTA, il progetto di AW LAB
0
450

AW LAB ha lanciato quest’anno un nuovo progetto volto a supportare le ragazze nella crescita personale verso un nuovo modello di femminilità consapevole, lontana dagli stereotipi di genere. Il progetto nasce da un attento ascolto delle loro esigenze e dalla certezza che il grande cambiamento parta sempre dall’autostima e dalla capacità di valorizzare le proprie risorse.

 

In questi mesi PERFETTA ha proposto un calendario mensile di approfondimenti su tematiche specifiche, sviluppato e condiviso da una squadra formidabile, composta da creativi, artisti e opinion leader delle nuove generazioni.

 

Moltissimi i temi affrontati in questi mesi e gli ospiti che hanno partecipato al progetto, Anna Lou Castoldi, Valentina Baggio, Greta Menardo, Chadia Rodriguez, sono solo alcuni delle protagoniste di Perfetta.

 

Luna Melis

 

Protagonista dell’ultima puntata di PERFETTA è Luna Melis, giovanissima e inarrestabile trap girl, che dal palco di X-Factor 12 ha saputo conquistare l’entusiasmo di tanti appassionati.

 

Il tema del settimo appuntamento di Perfetta è “Positive Poison”, ovvero l’ossessione del pensiero positivo, l’attitudine di sforzarsi al massimo per essere o apparire felici, per adeguarsi al mondo mostrato e trasformato dai social network.

 

Grazie a questo dialogo cerchiamo di comprendere come affrontare insieme i problemi reali, senza rimanere incastrati nella positività tossica, quella spinta verso uno stato mentale che ci porta a mostrare solo emozioni positive, una cura fai da te che nasconde spesso problematiche e fragilità. L’idea assillante che il pensiero positivo generi automaticamente situazioni favorevoli determina una scorciatoia e una scappatoia dai problemi reali.

 

La puntata è realizzata in collaborazione con FILA per promuovere la silhouette Reggio, il modello iconico disponibile in una nuova gamma di colori.

 

Abbiamo fatto qualche domanda a Luna per scoprire qualcosa in più su di lei e sulla sua idea di perfezione

 

A tu per tu con Luna Melis nella settima puntata di PERFETTA, dedicata alla positività tossica

Intervista a Luna Melis, tra i protagonisti di Perfetta, il progetto di AW LAB

 

 Perché hai deciso di partecipare a Perfetta, il format di AW LAB che consente alle ragazze più giovani di dialogare su temi sociali che riguardano la loro consapevolezza?

Ho deciso di partecipare al progetto Perfetta perché credevo fosse un ottimo modo per poter affrontare un argomento tanto importante che al giorno d’oggi continua ad essere un taboo tra i giovani (e non solo). È stato un mezzo super efficace per cercare di normalizzare un grande problema comune a tutti. 

 

Senti molto vicini questi temi e hai spesso modo di parlarne con amiche o la tua fan base?

Sento tanto vicini tutti questi temi ma penso sia abbastanza normale tra noi ragazzi. L’adolescenza è forse la fase in cui si mettono in dubbio più cose e ci si riempie la testa di tante problematiche, a volte realmente esistenti, a volte solo delle illusioni. Sfogarmi con i miei amici è una cosa che mi fa stare meglio a volte, mi alleggerisce un pochino.. ma cerco sempre di tenere i miei fans lontani dalle mie problematiche. Non ho il diritto di trasmettergli negatività ma allo stesso tempo a volte penso “forse se gliene parlassi ci si ritroverebbero e si sentirebbero meno soli”. 

 

Quanto dista limmagine dei social con quella della tua reale identità?

In realtà sono due cose non tanto differenti. Io sono io che si parli di social o realtà. Solo che nei social non mostro tutta me stessa, cerco di mostrare il mio lato divertente e positivo, anche se ultimamente mi ci sto un po’ allontanando.. ho semplicemente la necessità di vivere nella realtà. 

 

I social sono uno strumento importante di lavoro, diremmo fondamentale. Un’esposizione che ha delle controindicazioni?

 I social sono stati tanto toxic per me negli anni e ho imparato a non basare la mia vita su quello. Non bisogna farci affidamento, è totalmente sbagliato. C’è tanta, troppa finzione e dopo un po’ non si distingue più il vero dal falso. È bello fino a quando posti un video, una foto, guardi i contenuti dei tuoi idoli ecc. ma oltre quello diventa solo una permanenza su un mondo inesistente.

 

Puoi raccontarci i tuoi progetti futuri? 

Non vi dico nulla nello specifico.. mi sto evolvendo, la luna sta completando un altro dei suoi cicli.