Parigi e Louvre: un weekend tra storia, arte e cultura

0
65
Parigi e Louvre: un weekend tra storia, arte e cultura

Trascorrere un magico weekend immergendosi nella storia, nell’arte e nella cultura di Parigi è il desiderio di molti. E quale modo migliore per iniziare questo viaggio se non visitare il famoso Louvre, uno dei musei più importanti al mondo? Accedere a questo tesoro senza tempo come indicato qui, il quale contempla capolavori come la Mona Lisa di Leonardo da Vinci e la Venere di Milo risalente alla civiltà greca, significa attraversare la storia in poche ore. Con oltre 380.000 opere d’arte, il Louvre offre un’esperienza unica che lascerà senza fiato ma carichi di energia intellettuale.

Tuttavia, la Ville Lumière non è solo Louvre, bensì un museo a cielo aperto, con monumenti iconici come la Torre Eiffel e testimonianze storiche come la Cattedrale di Notre-Dame. E anche discendere Montmartre, passeggiare lungo la Senna, incontrare i personaggi di altre epoche al Cimitero di Père-Lachaise o varcare gli ingressi dei negozi all’Avenue des Champs-Élysées non può che definirsi un’esperienza indimenticabile. Il tutto condito dalla raffinata cucina francese e innaffiato da vini pregiati, mentre la sera ci si gode uno spettacolo di cabaret al Moulin Rouge. Perciò, è importante non lasciare che Parigi sfugga dalla lista dei desideri, perché si trova appena più in là della nostra immaginazione.

 

Parigi e il Louvre: un binomio indissolubile

Parigi fu fondata nel III secolo a.C., perciò vanta una storia di oltre duemila anni. La città è stata teatro di eventi storici significativi per l’Europa e ha ospitato alcune delle menti più brillanti dell’arte e della cultura. Oggi, Parigi è diventata una delle destinazioni turistiche più ambite al mondo, attirando milioni di visitatori ogni anno.

Uno dei suoi punti di riferimento più importanti è il Museo del Louvre, situato nel cuore della città. Il museo è ospitato in un antico palazzo reale, anticamente fortezza, e la sua storia risale al XII secolo. Oltre ad essere uno dei più grandi musei del mondo, nonché tra i più visitati, il Louvre è anche un simbolo dell’arte e della cultura francese. Tuttavia, non raccoglie solo testimonianze nazionali, bensì abbraccia l’intero arco temporale della storia dell’umanità.

Infatti, l’intera collezione di opere d’arte copre un periodo di oltre 7.000 anni. Il museo ospita oltre 380.000 opere, tra cui dipinti, sculture, manufatti, oggetti d’arte e molto altro. Le collezioni del Louvre provengono da tutto il mondo e rappresentano diverse epoche e culture, divise in uno spazio lungo ben due chilometri per tre piani di altezza.

Una delle opere più famose del Louvre è la Mona Lisa di Leonardo da Vinci. Il dipinto, realizzato nel XVI secolo, è considerato un capolavoro dell’arte rinascimentale. La Mona Lisa è conosciuta per il suo sorriso enigmatico il cui segreto non è stato ancora svelato. Un’altra opera iconica del Louvre è la Venere di Milo, un’antica scultura antica in marmo che rappresenta la dea dell’amore e della bellezza. Purtroppo non è completa, sebbene la mancanza non riesca a limitare l’effetto estatico che inevitabilmente genera.

Oltre a queste opere famose, il Louvre ospita anche altre opere d’arte eccezionali, tra cui i dipinti di artisti come Rembrandt, Vermeer, Caravaggio e molti altri. Il museo offre poi una vasta collezione di arte antica, tra cui manufatti dell’antico Egitto, della Mesopotamia e della Grecia antica, nonché statue di altissimo interesse artistico come Amore e Psiche di Antonio Canova.

Infine, le sale pittoriche offrono ai visitatori il quadro della Libertà che guida il popolo di Eugène Delacroix, una rappresentazione simbolica della Rivoluzione francese; La cattura di Gerusalemme da parte di Tito di Nicolas Poussin, un dipinto che raffigura un episodio storico dell’antichità; e la Grande Odalisca di Jean-Auguste-Dominique Ingres, un ritratto sensuale di una donna ancora sconosciuta.

Parigi e Louvre: un weekend tra storia, arte e cultura

Consigli pratici per visitare il Louvre

Per visitare degnamente il Louvre, è importante pianificare con attenzione la visita per massimizzare il tempo e apprezzare appieno le opere d’arte. Essendo molto frequentato, meglio iniziare la visita al mattino presto o il primo pomeriggio, così come è preferibile scegliere i giorni feriali piuttosto che i festivi.

La prenotazione è obbligatoria, pertanto ci si dovrà presentare all’ingresso con il biglietto già pronto. Si può acquistare il ticket online nel sito del museo oppure in uno dei siti che vendono biglietti per tutte le attività turistiche del mondo. Il museo ha una superficie quadrata immensa, per cui è meglio concentrarsi su alcune zone e visionare con rapidità altre. Per questo servirà una mappa del museo, la quale faciliterà l’orientamento e ci permetterà di individuare con rapidità le opere d’arte di interesse.

Volendo, si può anche prendere in considerazione l’acquisto di un’audioguida o di un’app per smartphone che fornisca informazioni dettagliate sulle opere d’arte esposte. In alternativa, si può seguire una visita guidata attraverso un tour generale del museo. Infine, è fondamentale rispettare le regole che impongono il divieto di scattare foto ad alcune opere d’arte, di toccarle o di portare zaini ingombranti.

 

La Ville Lumière in tutta la sua bellezza: i must see di Parigi

Dopo il Louvre, i turisti possono godere di molti altri luoghi da visitare a Parigi, talmente tanti che un solo fine settimana non sarà sufficiente. Tuttavia, non possiamo sfuggire allo sguardo della Tour Eiffel, che fu costruita per l’Esposizione Universale del 1889 e che era inizialmente destinata a sparire. Invece, i cittadini chiesero a gran voce di mantenerla e oggi è diventata la rappresentazione di Parigi. Salire in cima e vedere la città dall’alto è un’esperienza che non si può spiegare a parole.

Un altro luogo imperdibile è la Cattedrale di Notre-Dame: questo capolavoro dell’architettura gotica risale al XII secolo ed è uno dei luoghi di culto più importanti di Parigi. Distrutta negli anni scorsi, la sua ristrutturazione dovrebbe terminare quest’anno, e poi finalmente si potranno nuovamente ammirare le sue maestose guglie e gli intricati dettagli delle vetrate, sotto lo sguardo vigile dei Gargoyles, che proteggono la cattedrale dai malefici.

Per riprendere fiato, una passeggiata lungo la Senna è d’obbligo, oppure si può optare anche per una romantica crociera serale e rilassarsi sulle acque tranquille del fiume. E se non ne si ha avuto ancora abbastanza di arte, è consigliata una visita al Museo d’Orsay. Situato a pochi passi dal Louvre, il museo ospita una vasta collezione di opere d’arte dell’Ottocento e del primo Novecento, tra cui dipinti di artisti come Monet, Renoir, Van Gogh e molti altri.

Invece, cambiando genere possiamo provare un’esperienza teatrale autentica al Théâtre du Châtelet o all’Opéra Garnier, per poi ripiombare nell’arte contemporanea esposta al Centre Pompidou. Infine, rimane giusto il tempo per fare un salto al centro commerciale LaFayette oppure per fare shopping agli Champs-Elysèes e acquistare quello Chanel Nr. 5 visto finora solo nella pubblicità.

 

Esperienze gastronomiche e ritorno all’origine

Per quanto riguarda i ristoranti, Parigi offre una vasta scelta di cucine, dai ristoranti di alta gastronomia alle brasserie tradizionali. Da provare le specialità francesi come il foie gras, les escargots, les macarons e, naturalmente, il pane e i croissant appena sfornati.

Parigi è una città che affascina e incanta i visitatori con la sua storia, la sua arte e la sua cultura. Un weekend non basta, ciononostante permette a chiunque di immergersi nella sua vivacità ed evoluzione culturale. Al Louvre si guarda al passato, mentre attraversando la città si scopre come il tempo sia qualcosa di effimero, pronto a cambiare a ogni istante.