L’arte incontra l’arte

0
1263

L’arte incontra l’arte

Via Frattina 99, Roma. Presso Franco e Cristiano Russo, Giovedì 23 febbraio dalle 16:30 alle ore 19:00.

Le avventure dell’ex legionario Giovanni tra lotte, passioni, amori, vittorie e sconfitte sbarcano nel salone di Franco & Cristiano Russo. L’appuntamento è in via Frattina 99 per un insolito pomeriggio, tra un pasticcino e una tazza di the…

L’arte della narrazione incontra l’arte dello stile. Sempre à la page by Russo Parrucchieri che omaggeranno le clienti e gli ospiti presenti all’evento. Modera l’incontro la giornalista Barbara Molinario.

Il romanzo Hijo de Puta della giornalista e scrittrice Orietta Cicchinelli è la “testimonianza di una vita d’avventura, di colpa e di espiazione, in cui l’Autrice è partecipe con il misurato distacco dovuto a un testo raccolto, ma anche con il graffio dell’originale parola d’artista” come sottolinea Elio Sena nella Prefazione di Hijo de Puta-La parabola di un legionario.

Dopo il successo del racconto la madre (edizioni NED, distribuzione ARION) Orietta Cicchinelli ci consegna un’altra emozionante storia su un microcosmo di varia umanità. Giovanni, classe 1948, ex legionario del Tercio de Extranjeros, soprannominato Hijo de Puta dal suo Capitano, è il protagonista dell’opera. Sulla sua strada incontra ladroni, guardie, uomini di Dio, vecchi, giovani, mogli, padri, figli, meretrici, giocatori incalliti, disperati… Tutte tessere di un unico grande puzzle di cui, comunque, Giovanni si sente parte.

Hijo de Puta è il primo romanzo della giornalista Orietta Cicchinelli, responsabile del servizio Cultura e Spettacoli del quotidiano Metro Roma, e già autrice del racconto “La Madre”, dedicato al poeta e sceneggiatore Vincenzo Cerami, con il quale la scrittrice era unita da un profondo legame affettivo. Editato dalla NED di Pier Paolo Mocci nel Maggio 2015, distribuito nel circuito ARION – Le librerie indipendenti, la madre si avvia alla seconda ristampa, mentre si lavora all’adattamento teatrale con lo scenografo Premio Oscar Gianni Quaranta, assessore alla Cultura del Comune di Spoleto.
La copertina di Hijo de Puta è un disegno originale di Massimo Rotundo illustratore, storyboard-artist, fondatore della Scuola Romana dei Fumetti.

“Hijo de Puta è nato da un incontro – spiega l’autrice – o, meglio, da una serie di incontri. Quello con l’imprenditore editoriale Tony Lupetti, per gli amici “Lupo”, un ingegnere che ha buttato la sua laurea e dedica il suo tempo libero ai diseredati, ai ragazzi in difficoltà, agli ultimi, agli invisibili, che è poi colui che ha voluto questo libro. E quello con l’ex legionario malgrado sé, lo smilzo Giovanni, l’uomo tutto d’un pezzo, protagonista di questa parabola emozionante, piena di risvolti imprevisti”. Una storia da leggere tutta d’un fiato.

Hijo de Puta è reperibile nelle migliori librerie di tutta Italia, nelle edicole e sul circuito Ibs.

ORIETTA CICCHINELLI

Giornalista professionista di origini abruzzesi, vive a Roma dove lavora come responsabile del servizio Cultura e Spettacoli di Metro, il free paper che ha contribuito a fondare nel 2000. Laureata in Scienze Politiche (indirizzo Politico Internazionale) all’Università La Sapienza di Roma, vanta un passato da cronista nelle pagine de Il Messaggero, dove collabora per anni anche con il servizio spettacoli. Lavora per un anno all’Informazione di Mario Pendinelli, dirige Il Tergicristallo, mensile dell’Aci, e la rivista romana Movida.

Dal 2009 al 2013 stringe un sodalizio artistico con il poeta e sceneggiatore Vincenzo Cerami e con lui organizza eventi e mostre a Spoleto (come la rassegna del Fumetto dedicata alla ricostruzione post terremoto de L’Aquila e il Teatro Famiglia).

Nel 2014 il suo racconto in forma breve “La Madre” viene selezionato tra i finalisti del XIII concorso letterario Racconti nella rete, organizzato da Lucca Autori.

A maggio 2015 esce per NED, nella sua edizione completa, il libro “la madre” con la preziosa copertina disegnata da Martina Rossi, giovane artista della Scuola Romana dei Fumetti.

Nel 2016 pubblica per MGC Edizioni il suo primo romanzo “Hijo de Puta – La parabola di un legionario”.

FRANCO E CRISTIANO RUSSO PARRUCCHIERE

Franco e Cristiano Russo

L’esperienza, la bravura e la professionalità dei Saloni Franco Russo si rispecchiano negli oltre 50 anni di tradizione familiare tramandata di generazione in generazione, come dimostra la forte sinergia e il legame che Franco con il figlio Cristiano portano avanti giorno dopo giorno nel loro lavoro, e proprio grazie alla passione e al talento che Cristiano Russo trasmette nella cura dei dettagli che avviene il passaggio di testimone di padre in figlio.

Lo studio Franco Russo trova il suo punto di forza nell’unicità dei servizi offerti alla clientela e nella meravigliosa cornice del centro storico romano, dove è protagonista dal 1968. L’eccellenza dei servizi che offrono oggi Franco e Cristiano Russo si manifestano, grazie all’esperienza pluriennale, nell’abbinamento tra trattamenti di parrucchiere ed estetica.

La continuità nei risultati nasce da questo binomio imprescindibile. Un servizio di cura su misura completo per la propria persona. L’analisi e lo studio del capello sono fondamentali per capire le necessità e le esigenze dei nostri ospiti. Il continuo dialogo con la clientela ci aiuta a offrire un trattamento su misura e ottenere sempre il massimo risultato. L’immagine della donna proposta da Franco e Cristiano Russo è quella dell’emancipazione estetica e della soddisfazione per il successo ottenuto.