TREND ALERT: I piatti vanno sulla parete!

0
2613

Lo sappiamo tutti, la moda fa giri immensi e poi ritorna, anche nell’interior design. Ricordate le case delle nonne? I piatti più belli e pregiati andavano appesi al muro. Dalla loro avevano un’innata eleganza e un’allure bohémien che abbelliva le zone impersonali della stanza. Ebbene, la tendenza è tornata, più bella che mai.

Tutti i consigli di Fashion News Magazine per ricrearla in casa vostra.

#1 Continuità. Su una parete dal colore deciso (deve essere l’unica in tutto l’ambiente) i piatti, di diverse forme e colori, si snodano oltre l’angolo, creano un gioco, una forma sinuosa che rende l’insieme molto glam!

#2 D’autore. I piatti di Fornasetti non passano inosservati. Ognuno di essi è un vero pezzo da collezione per qualsiasi appassionato di design e arte. Fanno parte della storica collezione “Tema e Variazioni”, dedicata a Lina Cavalieri, soprano e attrice cinematografica italiana, reimmaginata da Piero Fornasetti. Disponeteli con estrema precisione, in uno stile composto, elegante e contemporaneo.

#3 Nella boiserie. E’ tornata in voga anche lei, la boiserie: sceglietela nei toni del blu cobalto, dell’antracite o del bianco e abbellite una parte di essa con i piatti dipinti a mano. I colori richiamano lo sfondo, ma accennano a piccoli contrasti, in questa immagine, ad esempio, il giallo illumina e rende equilibrato tutto l’insieme.

#4 Come un’idea. Sembra quasi un fumetto, un’idea, un pensiero creativo. Da una fila di piatti piccoli si snoda la grande quantità di forme più grandi, le quali, via via, sfumano e tornano piccole. Idea molto carina da utilizzare sulla parete dietro la tv o in prossimità di una pila di libri.

#5 Giocosi. Colori e ironia. Mixare questi due elementi significa creare un ambiente hippy, un pizzico anticonformista, dove il tavolo è di legno, le sedie spaiate e le persone libere.

#6 Rock con stile. I piatti, posizionati l’uno accanto all’altro, danno vita ad una stampa originale; in questo preciso caso è un richiamo alla musica e all’arte, utilizzata in un ambiente minimal ma curato nei dettagli, vedesi il muro completamente bianco, lo sgabello rosso pastello e la consolle di design.

#7 Periodo blu. Come Picasso, sul comodino potete scegliere il blu, colore della calma, del silenzio e del riposo, ideale in camera da letto. I piatti raffigurano flora e fauna, si posizionano casualmente all’interno dello spazio e giocano con forme più o meno grandi. Soluzione semplice, ma d’impatto, soprattutto se le pareti sono bianche e il punto luce giallo limone.

#8 All’ingresso. Per dare vita all’ingresso total white, scegliete piatti con fantasie che virano sul nero, a contrasto. Sfruttate l’altezza e posizionateli in verticale, riempiono e valorizzano l’angolo spento.

Ramona Mondi