Very Important Weddings: i matrimoni indimenticabili dello star system

Dal Re del Rock’n’Roll alla Regina della Gran Bretagna. Fashion News Magazine, in collaborazione con Sowed, sale sulla macchina del tempo per imbucarsi ai matrimoni più indimenticabili delle celebrity.
0
55

Benvenuti sulla nostra macchina del tempo! Abbiamo fatto controllare per bene in nostro “flusso canalizzatore” e siamo pronti per mettere in moto la nostra DeLorean.

Destinazione: 20 Novembre 1947, Abbazia di Westminister. Elisabetta II e Filippo Mountbatten, coronano il loro sogno d’amore. Si, perché, strano a dirsi, ma non si tratta di un matrimonio combinato. Si conoscono nel 1934, in occasione di un altro matrimonio, quando la sovrana aveva ancora otto anni (si, anche la regina Elisabetta ha avuto otto anni! Incredibile!). Ma la scintilla vera e propria, scocca qualche anno più tardi, nel 1939. Sebbene Re Giorgio VI non fosse proprio d’accordo, la giovane Elisabetta decide che sposerà Filippo e nessun altro! La seconda guerra mondiale li tiene distanti ed il loro è un fidanzamento segreto, almeno fino al 1946, quando Filippo chiese la mano della futura sovrana a Giorgio VI. Per la cerimonia, Elisabetta indossa un abito ispirato alla Primavera di Botticelli, quale simbolo di rinascita dopo la grande guerra. Otto damigelle la accompagnano all’altare. Si dice che queste avessero anche dovuto calmarla durante una crisi pre-cerimonia. Le nozze, trasmesse in radio, vennero seguite da 200 milioni di spettatori in tutto il mondo.

Destinazione: 1 Maggio 1967, Las Vegas. Dalla monarchia britannica a quella del Rock’n’Roll americano. Siamo approdati al matrimonio del Re del Rock’n’Roll, Elvis! Una cerimonia privatissima di soli otto minuti quella che ha legato Elvis Aaron Presley e Priscilla Beulieu, condotta dal Giudice della Corte Suprema del Nevada presso la Milton Prell’s Suite dell’Alladin Hotel di Las Vegas. Al ricevimento, un centinaio di invitati circa, allietati da ostriche, champagne ed un trio d’archi che suonava “Love me tender”. Il famoso manager di Elvis, il Colonnello Parker, aveva però altri piani per questo matrimonio. Pare che volesse affittare uno stadio da Football, porre un altare sulla linea dei cinquanta metri e far arrivare gli sposi su due elefanti. Il tutto con pubblico pagante! Ve lo immaginate?

Destinazione: 20 Marzo 1969, Rocca di Gibilterra. Non sono noti per il loro matrimonio, quanto per la loro luna di miele. Parliamo di John Lennon e Yoko Ono. Dopo la cerimonia sulla Rocca di Gibilterra, molto seguita dai media, alla coppia viene in mente di sfruttare l’interesse mediatico a favore di una campagna pacifista, chiudendosi nella camera 1902 dell’Hilton Hotel di Amsterdam e rimanendo per una settimana a letto, invitando ogni giorno giornalisti, fotografi e testate per parlare della pace nel mondo. La loro è una rivolta pacifica, un bed-in per chiedere la fine della guerra in Vietnam. In pigiama, con la chitarra ad intonare il ritornello “Give Peace a Chance”: uno dei migliori momenti della carriera e della vita dell’ex Beatle. La settimana dopo? Ad una conferenza stampa, chiusi dentro un sacco! Roba che neanche Lady Gaga…

Destinazione: 12 Maggio 1971, St.Tropez. Ancora un matrimonio celebre del music business, ovvero quello fra Bianca e Mick. Lei, icona di stile e musa di Andy Warhol, lui voce degli iconici Rolling Stones. “Il mio matrimonio è finito il giorno del mio matrimonio” dirà in seguito Bianca. Eppure, proprio per quella ricorrenza appariva semplicemente meravigliosa, in un elegantissimo tailleur Yves Saint Laurent ad un bottone, indossato a pelle nuda. Una linea invidiabile, nonostante fosse già incinta di quattro mesi. Questa unione riesce a durare per tutti gli anni ’70, semplicemente perché gli sposi fanno vite separate: lui in tournée a fare la storia del rock britannico, lei fra servizi fotografici, Studio 54 e la Factory.

Destinazione: 28 Luglio 1981, Cattedrale di St.Paul. È lungo sette metri lo strascico dell’indimenticabile abito indossato da Diana Spencer per le nozze con il principe Carlo. È in seta e taffettà color avorio, con intarsi in pizzo antico. Oltre 750 milioni sono i telespettatori in mondovisione e 600 mila i curiosi per le strade di Londra. Questo, considerato come il matrimonio più importante del secolo, fu il primo ad andare in mondovisione. Diana indossava, inoltre, un anello in oro bianco con diamanti ed uno zaffiro blu, ereditato, oggi, da Kate Middleton. Nonostante lo sfarzo fiabesco (basti pensare alla carrozza in cristallo), il matrimonio dura solo dieci anni e termina in uno sgradevole divorzio.

29 Aprile 2011, Westminister Abbey. Solo chi risiedeva sulla Luna o su Marte non ha potuto evitare l’incessante flusso mediatico del matrimonio di William e Kate. I due sposi, si sono conosciuti perché colleghi all’Università di St. Andrews in Scozia, nel 2001. Il loro fidanzamento viene annunciato il 16 Novembre 2010. A Kate, viene donato lo stesso anello posseduto da Lady Diana, citato poc’anzi, in oro bianco 18 kt., con uno zaffiro ovale da 12 carati e 14 diamanti tondi. Con la piena approvazione della regina le nozze vengono celebrate presso l’Abbazia di Westminister, sito tradizionale scelto per le incoronazioni dal 1066. Poche ore prima della cerimonia, a William vengono conferiti i titoli di Duca di Cambridge, Conte di Strathearn e Barone Carrickfergus da parte della regina Elisabetta II. Per l’occasione viene istituito il “The Prince William and Miss Catherine Middleton Charitable Gift Found”, che effettua donazioni a varie associazioni benefiche. L’abito di Kate è stato concepito da Sarah Burton, direttore creativo di Alexander McQueen. Una linea ispirata agli abiti vittoriani, con vita stretta e fianchi imbottiti, ma con un design moderno ad incontrarne la classicità. Dopo la funzione, gli sposi hanno effettuato il tragitto verso Buckingham Palace in carrozza scoperta, per poi apparire sul balcone del palazzo. Il costo del matrimonio è di 20 milioni di sterline, mentre ammonta a circa 2 miliardi il profitto del turismo britannico di quei giorni.