San Marino

0
1024

San_marino_vista fnm

San Marino

San Marino, una storia millenaria raccolta su un piccolo monte a qualche decina di chilometri dalle spiagge di Rimini. La Serenissima Repubblica di San Marino è infatti uno degli stati più antichi del mondo.

La sua fondazione risale al 301 d.C., quando il tagliapietre Marino giunse sul Monte Titano, costituendovi una comunità di cristiani, che non rispondeva né all’autorità del Papa, né a quella dell’imperatore romano. Da quel momento, lo Stato attuò una lotta millenaria per la sua indipendenza formale, che le venne riconosciuta da Nicola IV nel 1291. Questa breve introduzione storica ci permette di partire alla scoperta della Repubblica di San Marino avendo in mente che costumi, istituzioni e luoghi sono sostanzialmente diversi da quelli italiani: i comuni, per esempio, prendono il nome di “castello”.

A San Marino si arriva di solito da Rimini e dintorni. Il primo comune,anzi castello, che si incontra è quello di Dogana, dove un monumento in ferro segnala l’ingresso in territorio sammarinese. Poi si incontra Serravalle, nota per lo shopping, dato che il regime fiscale molto favorevole della piccola Repubblica favorisce gli acquisti (soprattutto orologi, gioielli e tutta una serie di articoli da regalo e non). Arrivare a San Marino Città è una piacevole sorpresa per lo sguardo: l’abitato si trova sulle pendici del Monte Titano e può essere raggiunto in due modi: in macchina o a piedi, seguendo la piacevole strada che raggiunge la cima, oppure con la bella funivia panoramica, fornita di parcheggio, che in pochi minuti, conduce all’inizio dell’abitato di Città.

Da qui parte l’esplorazione: la cittadina sembra uscita da un set di un film medievale, così ordinata e pulita che ci lascia strabuzzare gli occhi. La prima attrazione che si incontra è il Palazzo Pubblico, affacciato su un lato della bella Piazza della Libertà, dalla quale si gode un piacevole panorama sul territorio della Serenissima e sui vicini monti. Nel Palazzo Pubblico si concentrano tutte le istituzioni della Repubblica, dai capitani reggenti al Consiglio Grande e Generale (l’equivalente del Parlamento italiano), al Consiglio dei XII, un organo amministrativo, e il Congresso di Stato, l’esecutivo di San Marino. Davanti l’edificio, fa bella mostra di sé la Statua della Libertà, donata ai sammarinesi da Otilia Heyroth Wagener a fine Ottocento.

San_marino fnm

Proseguendo nella visita, si possono scoprire alcuni luoghi di particolare interesse: la Basilica di San Marino, un imponente edificio dal pronao in stile classico, il Museo di San Francesco, dedicato all’arte sacra e con una ricca dotazione di opere su tavola e tela, e soprattutto le Tre Torri (chiamate semplicemente Prima, Seconda e Terza in ordine decrescente di grandezza), con la Guaita che domina lo skyline cittadino. Molto curiosi sono anche il Museo delle cere e degli strumenti di tortura e i tanti negozi che vendono souvenir, tra i quali non mancano riproduzioni molto ben riuscite di armi, coltelli e oggetti antichi. Dopo aver goduto della buona gastronomia locale, che ha molti punti di contatto con il gusto romagnolo, si può lasciare Città.

Insomma, se sentite la necessità (o la voglia) di andare all’estero, ma non volete muovervi troppo, San Marino è una scelta che vi invoglierà a tornare quanto prima.

Per conoscere tutti i nostri viaggi clicca qui.