Addio a Marc by Marc Jacobs

0
964

marc jacobs 2.1
Di Gabriele Arcieri

Marc by Marc Jacobs chiude dopo 14 anni.

La nuova linea Marc Jacobs fonde i due concetti di lusso ed economia per un brand al passo coi tempi.

La crisi economica mondiale si è estesa anche nel campo della moda, nelle sue sfaccettature ed esigenze, causando una dolorosa flessione che ha coinvolto alcune maisons che, non volendo perdere di vista lo sviluppo e le evoluzioni future, hanno cercato di affrontare la problematica. Tra queste possiamo citare la linea Marc by Marc Jacobs, facente parte del gruppo LVMH, neonata ma già ben affermata, che rappresenta un esempio emblematico della situazione contingente: il suo ultimo marchio, la linea contemporary, disegnata da Luella Bartley e Katie Hillier, infatti, come da notizia confermata dalla WWD, sarà soppressa e non verrà più presentata in quanto tale ma andrà a far parte della Marc Jacobs esclusivamente con la separazione della collezione in due distinti settori: la cosiddetta “linea di lusso” e quella più “affordable”.
Il marchio così integrato, assimilerà in un’unica produzione la gamma di prodotti ed il range di prezzo, evitando una riduzione degli stessi.
Alla luce di questa innovazione-soluzione, apparentemente eccessiva o inadatta allo stesso brand, rimane però il fermo convincimento e la decisione ben determinata degli addetti ai lavori che nulla di quanto verrà prodotto in base al nuovo criterio gestionale, subirà il benché minimo danno o mutamento o stravolgimento sia di natura estetica, stilistica o concettuale. La linea distintiva Marc Jacobs rimarrà fedele alle scelte originarie, volte ad una produzione legata ai dettami ed ai canoni che hanno storicamente caratterizzato il marchio senza scalfirne la peculiarità della visione estetica.
L’eleganza e la raffinata analisi stilistica della maison continuerà il suo cammino di sempre, rispettando le esigenze del momento, ma salvaguardando l’onestà e l’autenticità che abbiamo imparato a conoscere e ad apprezzare, oggi più che mai e che mai verrà meno, pur se in un’ottica indirizzata a sottolineare ed a promuovere l’attualissimo concetto dell’Art-and-Commerce.