Rio 2016: le Olimpiadi alla moda

1
1538

Divise olimpiche italiane

Di Claudia Brizzi

Rio 2016: le Olimpiadi alla moda

Da Armani per L’Italia a Ralph Lauren per gli Stati Uniti, da Dsquared2 per il Canada a Lacoste per la Francia: le Olimpiadi si trasformano in una vera fashion week.

I brand non perdono occasione per lanciare nuove proposte dedicate alla 31esima edizione dei Giochi Olimpici iniziati il 5 agosto 2016. Dagli accessori ai bijoux, dai gadget fino alle attesissime divise degli atleti provenienti da tutto il mondo pronti a sfidarsi nella suggestiva città di Rio De Janeiro in Brasile.

Gli stilisti gareggiano a colpi di stile. Capi sportivi e comodi con un tocco di glamour e lusso.
In occasione dei Giochi si moltiplicano le collaborazioni tra maison di moda e colossi dello sport a cominciare da Louis Vuitton e Nike, fornitrice ufficiale di Rio 2016, che hanno creato una speciale linea pensata per gli atleti in gara e non solo.
Durante la cerimonia di apertura, gli atleti hanno sfilato a ritmo di samba all’interno del famoso stadio Maracanà con le loro coloratissime divise nazionali firmate da brand internazionali.

Bozzetto Armani

In fatto di stile i vincitori sono senza alcun dubbio gli italiani che indossano le eleganti divise e le tute EA7 di Giorgio Armani nei classici colori oro e blu navy dei blazer di jersey, con la creativa variante del cappuccio e l’evidente riferimento al marchio dato dalla diagonale bianca disegnata sulle giacche e le felpe. La divisa di rappresentanza è impreziosita da una scritta sulla fodera interna che recita il primo verso dell’inno di Mameli.

Ralph Lauren ha scelto di vestire il team USA che ha sfoggiato una divisa composta dalla giacca con taglio blazer e la maglia a maniche lunghe fasciata dai colori blu, rosso e bianco senza dimenticare il kit bag di Nike riservato a ogni atleta.

In occasione di Rio 2016 il designer francese Christian Louboutin ha collaborato con l’e-concept store SportyHenri.com per realizzare le divise della squadra olimpica cubana per la cerimonia di chiusura: taglio retrò in stile sovietico, giacca rossa per gli uomini e bianco per le donne, abbinati con eleganza al nero dei pantaloni. Il pezzo forte dello stilista? Le scarpe tricolori ovviamente. La delegazione cubana è vestita da Puma con i colori della bandiera nazionale così come quella giamaicana che ha abbinato i colori della bandiera verde, nero e giallo all’elegante abbigliamento tecnico sia per l’outfit track and field che per le cerimonie olimpiche.

Ironiche e mai banali le divise canadesi firmate da Dsquared2. I gemelli Dan e Dean Caten sono stati scelti da Hudson’s Bay Co per disegnare la linea realizzata con tessuti tecnici dal taglio classico con code in stile frac e che riprende i colori bianco, rosso e nero, tipici dello sport canadese.

Abbigliamento di lusso anche per la Gran Bretagna che conferma la stilista Stella McCartney direttore creativo del brand Adidas per la realizzazione della seconda collezione olimpica caratterizzata dai classici colori rosso, blu e bianco e le grafiche della tradizione iconica britannica: i leoni rampanti e lo stemma reale. La Francia invece ha scelto Lacoste che anche in questa occasione non rinuncia al pezzo forte del brand: la polo declinata con i tre colori della bandiera e il famoso coccodrillo. Per il podio è prevista la felpa blu abbinata ai pantaloni bianchi e per le cerimonie un outfit impermeabile in due colori, blu e bianco.

Uno stile decisamente marinaro e retrò caratterizzato da bermuda bianchi per gli uomini e gonnellino per le donne abbinati alla camicia bianca, quello realizzato dal marchio Sportscraft per gli atleti australiani.

Dall’outfit sportivo e coloratissimo per la Spagna che ha scelto il brand iberico Joma a quello sobrio e austero del marchio Bosco dei Ciliegi per le divise della Russia fino ad arrivare alla Svezia che gioca in casa puntando su H&M e deludendo le aspettative di tutti con tessuti super tecnici, i colori della bandiera giallo e blu e tagli non adatti per l’occasione.

[ScrollGallery id=2246]

 

Comments are closed.