Vienna, il salotto dell’Austria, la meta perfetta per il weekend

La capitale austriaca è un’ottima idea per un city break tutto da scoprire, anche avendo poco tempo a disposizione.
0
66

Una città dal 2001 riconosciuta come Patrimonio dell’Umanità UNESCO per la ricchezza del suo patrimonio storico, artistico, culturale, che non smette mai di stupire per la sua bellezza, Vienna, è decisamente la capitale europea che vale sempre una visita.

Innumerevoli e sempre nuove le attrazioni, gli incantevoli scorci e le cose da fare, che si tratti di una fuga veloce o di un viaggio più lungo, il capoluogo austriaco non delude mai le aspettative.

Un ipotetico itinerario turistico potrebbe avere inizio dalla maestosa cattedrale Stephansdom, l’apoteosi dello stile gotico e uno dei simboli della città di Vienna, visibile da ogni parte, per la sua imponente guglia che lo rende un vero e proprio punto di riferimento.

Inizialmente realizzato in stile romanico, risalente al XII secolo e ricostruito, a causa di un incendio, nel XVI secolo in stile gotico, restaurato successivamente per un ulteriore incendio negli anni 50 del Novecento. La Chiesa è suddivisa in tre navate slanciate da imponenti pilastri, dai quali si originano le ampie volte e il coro. Una visita a Stephansdom è un’emozione unica, ed è possibile accedere anche, attraverso una scala a chiocciola di 300 scalini, al campanile dal quale di può godere una vista privilegiata della città.

Poco distante dallo Stephensdom si trova la Mozarthaus, al civico numero 5 di Domgasse, si può visitare anche l’appartamento in cui il maestro compose la celeberrima opera “Le nozze di Figaro”, che ha mantenuto l’aspetto e la struttura originale, quasi immutata.

Il cuore di Vienna ospita anche la Kärtnerstraße e il Graben, le principali ed eleganti vie dello shopping, nelle quali poter trovare i migliori negozi e boutique. Proseguendo lungo la Kärtnerstraße, si giunge allo Staatsoper, il principale teatro lirico del mondo, in stile rinascimentale, distrutta dai bombardamenti del 1945 e riaperto nel 1955.

Nelle vicinanze dello Staatsoper si trova il goloso Hotel Sacher, “luogo di culto” per gustare la torta Sacher, specialità dolciaria austriaca realizzata appositamente per un principe austriaco e poi resa celebre in tutto il mondo.

Spostandosi verso il Graben ci si trova di fronte ad una piazza curvilinea che ospita due fontane e la Pestsäule, una statua in stile barocco, costruita dopo la fine della peste nel 1679.

In un’altra famosa piazza, la Michaelerplatz, si trova il famoso Hofsburg, l’elegante palazzo imperiale degli Asburgo, un insieme di stili, edifici che ripercorrono la storia dell’intramontabile storia d’amore dell’amata principessa Sissi e Franz, imperatori d’Austria.

La visita ha il suo inizio nel Sisi Museum, in cui si può rivivere la storia della principessa dall’infanzia al matrimonio, proseguendo ci si reca verso le stanze dell’appartamento dell’imperatore Francesco Giuseppe, per poi recarsi nelle stanze dell’imperatrice.

Poco distante da Hofburg si trova la Spanische Hofreiteschule, la scuola equestre di origine cinquecentesca, con puledri provenienti dalla Spagna. È ancora possibile assistere dalla meravigliosa Sala del Maneggio d’Inverno, alle esibizioni dei cavalli, oggi addestrati in Stiria.

Dalla Burgtor, si arriva alla Maria-Theresien-Platz, nella quale si trovano due edifici quasi gemelli, quali il Museo di Storia Naturale e il Museo di Storia dell’Arte.

Un’altra attrazione che affascina ogni turista è la Rathausplatz, nella quale si trovano il Parlamento con una forte influenza dell’arte greca e il Municipio, con uno stile molto particolare risalente alla fine dell’Ottocento.

APAHKT03- 13112008 – WIEN – OESTERREICH – Der Christkindlmarkt vor dem Wiener Rathaus, aufgenommen am Mittwoch, 03. Dezember 2003. APA FOTO: ROLAND SCHLAGER

Il centro storico fortificato da bastioni e cinte murarie, circondato dalla Ringstraße, ospita l’Innere Stadt con il Prater e il Belvedere, una delle residenze imperiali estive più incantevoli in Europa.

In questo palazzo si trovano due strutture contrapposte e separate da un immenso giardino alla francese, l’edificio è suddiviso in Belvedere Inferiore e superiore, il primo ospita esemplari unici di arte e stile barocco, con mostre temporanee, mentre l’ala superiore ci sono rare collezioni di arte medievale, barocca, ha un’intera sezione dedicata a Klimt e custodisce anche il celebre capolavoro “Il Bacio”.

Nelle vicinanze del Belvedere si trova il pittoresco e incredibile quartiere Hundertwsserhaus, realizzato dal pittore Friedrich Hundertwasser con cinquanta appartamenti dai colori sgargianti e dalle forme irregolari.

Simbolo indiscusso di Vienna e meta che merita almeno una giornata intera per essere visitata interamente è il Castello di Schönbrunn, molto suggestivo durante il mese di Dicembre per i caratteristici mercatini di Natale, ma sempre affascinante. Dopo la reggia di Versailles, uno dei palazzi più sontuosi d’Europa.

A pochi chilometri dal centro di Vienna, anche se considerato una residenza estiva, Schönbrunn ha un maestoso ingresso, conosciuto come la Haupttor con un immenso cancello in ferro battuto con due giganteschi e preziosi obelischi che incorniciano il meraviglioso cortile d’onore che anticipa il palazzo.

Il palazzo ospita quaranta sale in stile rococò, con lo stile artistico, la Grande Galleria, che era il favoloso salone delle feste ed è ancora la location privilegiata per le cerimonie di rappresentanza. Il parco del Castello ospita eleganti viali, statue, vasche e l’imponente Fontana del Nettuno, in cui si trova la Gloriette e dalla sua terrazza si può avere un incantevole panorama della città di Vienna e del suo parco.