It-Bags selection: novità e grandi ritorni per la primavera estate 2019

Dalla passerella alla boutique, fino al tuo braccio: ecco le borse più in voga per la primavera estate 2019!
0
349

Ed ogni nuova stagione porta le sue novità in fatto di borse, l’accessorio più amato ed acquistato dalle donne. Oggi parliamo di it-bags, quindi se state pensato di fare un investimento a lungo termine, non sono di certo la categoria più consigliata. Le it-bags ci fanno innamorare, ma hanno sempre vita breve.

Si insinuano nelle nostre menti mediante le colorate e fantasiose campagne pubblicitarie o sul feed di Instagram, dove le vediamo indosso a tutte le influencer del momento. Scopriamo insieme le novità più allettanti!

Nicholas Guesquière è noto per aver riportato il auge l’estetica del vecchio trunk Louis Vuitton. Prima con l’eclettica pochette “Petitte Malle” che continua ad essere super desiderata e che forse entrerà fra i classici della Maison. Ora, con il “Mini Luggage”, disponibile in due varianti: monogram (come da immagine) e pelle. Una mini valigia che rispecchia i canoni estetici delle borse da viaggio per cui Louis Vuitton è famoso, ma in versione mini, da portare a tracolla o a mano. Una sfiziosità che donerà un mood vintage ma ricercato al vostro outfit. Un altro classico rivisitato è la borsa “Saddle” di Dior, un modello di punta dei primi anni 2000, quando venne lanciata da John Galliano. Nelle ultime due stagioni ha davvero spopolato ed ora viene proposta in versione pochette, da portare sia a tracolla che a marsupio. Dopo anni di borse microscopiche, ritornano le tote bags. Fra tutte, abbiamo selezionato la “Rajah” di Gucci, con la sua esotica testa di tigre, in pelle laminata. La stessa borsa della campagna primavera/estate 2019.

“Mini Luggage” in tela monogram rifinita con dettagli in vacchetta naturale anticata Louis Vuitton € 2.700; pochette a marsupio “Saddle” in tela jacquard con monogram Dior Oblique blu Dior € 1.100; maxi tote “Rajah” in pelle laminata Gucci € 2.500.

Tutte amano le borse Chloè. Ma c’è qualcosa che ancora non ci spieghiamo: non esiste un modello cotinuativo o evergreen. L’acquisto di una borsa Chloè è sempre un salto nel vuoto: ogni anno il design si rinnova, ma nulla rimane, con la conseguente svalutazione del valore di acquisto. Eppure… i modelli sono così allettanti, con la loro elegante estetica retrò, un po’ anni ’70, che si addice alla perfezione ad un outfit boho. Per questa stagione, la novità si chiama “Chloè C”, disponibile in diversi colori, misure e pellami.La tophandle “Ville” di Balenciaga è già da un po’ fra gli acquisti favoriti delle donne. Minimal nel design, ma coloratissima nelle sue tinte pop. Ma non preoccupatevi amanti delle city bag: anche quelle sono tornate al top ultimamente! È dalla scorsa estate che ci portiamo dietro questo trend, ed ancora non pare averci stufato. Parliamo delle borse in PVC, che impazzano anche nelle proposte high street. Fra le più sfiziose, la tote di Prada, con il classico logo stampato sulla parte frontale.

Mini bag “Chloè C” in pelle di vitello con stampa cocco ed hardware dorato Chloè € 1.290; mini bag “Ville XXS” in pelle di vitello con tracolla e logo frontale Balenciaga € 1.290; tote bag in PVC con dettagli in canvas, tracolla e pochette interna rimovibile Prada € 790.00.

Cozy, comfy ed over. La maxi pouch morbidissima è fra le preferenze al momento. Una sofficissima nuvola in pelle, come la “Glam Sam” di Maison Margiela. Balziamo un attimo, adesso, ai grandi ritorni: per questa stagione ecco di nuovo sotto i riflettori la “Jackie” di Gucci. La borsa dedicata a Jackie O’, ritorna in versione mini, qui con stampa flora. Nel revival degli anni ’90, invece, è il denim a comandare. Ed è proprio nel tessuto dei blue jeans la tracolla “Monogramme” di Saint Laurent.

“Glam Sam” in misura media con tracolla Maison Margiela € 1.611; borsa hobo “Jackie” in canvas e pelle con stampa flora Gucci € 1.500; tracolla “Monogramme” in denim con logo frontale Saint Laurent € 1.190.

Ne abbiamo già tanto parlato, con la primavera estate 2019 si riapre la stagione della Baguette di Fendi, che, come disse Silvia Venturini Fendi, “si vende come il pane”. Da Dolce&Gabbana, invece, si sperimentano forme diverse ed originali per esaltare l’italianità ed esportare la nostra cultura in tutto il mondo. È così che una latta di pomodoro diventa una borsa a secchiello, con una stampa raffigurante i pelati. Così pop art! Irresistibile! Anche Chanel ci porta qualcosa di divertente ed eccentrico: la borsa classica rinuncia alla pelle martellata a favore di morbida spugna. Ma non usatela per tamponarvi il viso, perché costa più di duemila euro!

“Baguette” in pelle d’agnello con motivo FF ed hardware dorato Fendi € 1.980; secchiello a tracolla “DG Girls” in vitello Dauphine Dolce&Gabbana € 995.00; borsa classica con tracolla in spugna Chanel € 2.500.