CR7 vs Messi: la sfida non è soltanto in campo

Non solo sport ma anche economia ed imprenditoria
0
471

L’ultimo decennio calcistico ha avuto due protagonisti assoluti: Leo Messi e Cristiano Ronaldo. I due campioni si sfidano ininterrottamente non solo sul rettangolo di gioco, ma anche sul fronte economico ed imprenditoriale.

Entrambi hanno sviluppato la propria carriera soprattutto in Spagna, quella di Messi in particolar modo tutta targata Barcellona, mentre Cristiano Ronaldo ha dominato sia nel calcio inglese che in quello spagnolo, prima al Manchester United poi al Real Madrid. ed ora, con la maglia della Juventus, è diventato l’unico giocatore ad aver vinto Premier, Liga e Serie A. Undici anni fa per la prima volta si sono affrontati, e da quel momento, a dominare la scena del calcio mondiale sono stati sempre loro: dal 2008 ad oggi, Messi e Cristiano Ronaldo si sono contesi la vittoria del Pallone d’oro e hanno collezionato numeri stratosferici e irraggiungibili per chiunque altro.

Le attività di CR7

Cristiano Ronaldo non è soltanto uno dei calciatori più forte di tutti i tempi, è anche un ottimo imprenditore. Il fuoriclasse portoghese, infatti, è al lavoro per aprire due nuovi alberghi a New York e Madrid. Si tratta di un investimento pari a 75 milioni di euro, che si aggiunge a quanto fatto per le strutture di Madeira e Lisbona. I suoi investimenti hanno raggiunto anche l’Estremo Oriente. Infatti, il vero motivo alla base del suo viaggio in Cina – il secondo di fila dopo l’esperienza analoga dell’estate scorsa – è di natura squisitamente imprenditoriale: il lancio della C Collection, una linea di abbigliamento ispirata al suo brand e pubblicizzata, direttamente o indirettamente, a ogni tappa del suo tour. Cosa vuol dire C? Si tratta di una rimodulazione del logo che lo ha reso celebre in tutto il mondo, quel “Cr7” che da diversi anni identifica il 5 volte Pallone d’Oro con l’unione delle iniziali di nome, cognome e il numero di maglia che lo accompagna dai tempi del Manchester United.

Provando a tradurre questa espressione dal cinese, viene fuori il nome di Cristiano Ronaldo. Il logo C, che unisce i caratteri dell’alfabeto cinese e latino, altro non è che un’astuta mossa di marketing per rendere il suo brand – e il suo fiuto per gli affari – ancora più globale.

Cristiano sta investendo per il suo futuro pensando che non sarà sempre quel ragazzo super in forma e che il calcio non potrà essere per la vita, almeno, non quello giocato. Sta diversificando i suoi affari in: arti marziali (insieme ad altre star) ed anche la coltivazione di carotine del Portogallo che arriveranno presto sul mercato, anche in Italia, ed infine alberghi e trapianti di capelli.

Le carotine di Ronaldo non saranno le solite carote ma delle carote baby sotto forma di snack confezionati. Già una società di produzione, la 52-Fresh investirà 50 milioni per coltivare e vendere le carotine di CR7. Il campione del club juventino inoltre farebbe parte di una società di artisti, tra cui Stallone e le sorelle Williams, per citarne alcune, che si chiama Ufc Co Investment Holdco che nel 2016 ha affiancato la Wme-Img nella scalata da 4 miliardi al gruppo americano Ultimate Fighting Championship UFC leader al mondo nell’ organizzare eventi di arti marziali miste.

Il regno di Messi

Se Ronaldo investe tanto, Messi non è da meno. I soldi che sta accumulando nel corso della sua carriera e continuerà a incrementare con il nuovo rinnovo contrattuale con il Barcellona, permettono alla sua famiglia (comprese le generazioni a venire) di stare abbondantemente tranquilla dal punto di vista economico.

Ma nonostante questo il numero 10 argentino vuol guardare anche un po’ più in là, lasciando qualcosa di concreto che vada oltre i suoi introiti a livello calcistico. Per questo ha deciso di creare una nuova azienda di famiglia, che vada proprio a investire su immobili capaci di generare nuovi guadagni nel lungo periodo. E quale miglior occasione per cominciare di un hotel a Sitges, appena 40 chilometri più a sud-ovest di Barcellona, con vista sul Mare delle Baleari.

La stella del Barcellona Leo Messi ha acquistato un hotel 4 stelle a Sitges, una cittadina sul mare molto vicino alla città più importante della Catalogna. L’argentino ha deciso di investire pesantemente su questo albergo di lusso da 77 camere, con una terrazza panoramica sul Mediterraneo, Spa, piscina, vista mozzafiato e molto altro. La struttura, recentemente rinominata in MiM, è stata costruita nel 2013 e i prezzi per una notte vanno dai 250 ai 300 euro. 

Insomma, due stelle che investono tanto ma nel frattempo sono ancora in prima linea per giocarsi la vittoria della Champions League. Le quote di NetBet scommesse sono molto simili ma siamo soltanto all’inizio della fase ad eliminazione diretta.