Le petit is cool – Le borse dell’anno sono super mini

La mitica shopping bag in cui poter infilare praticamente di tutto è assolutamente out.
0
603

Piccole, piccolissime, ma pronte a diventare le protagoniste indiscusse dei nostri look. In versione low cost o deluxe, ecco i modelli più belli che vorrai avere subito! Se prima le mini bag erano destinate ad accompagnare outfit eleganti oggi, al contrario, si abbinano con tutti gli outfit. Da Milano a Londra, da New York a Parigi, proposte in tante varianti di materiali, colori e modelli, ma non certo di dimensioni.

Adesso vi toccherà davvero capire quali sono le vostre priorità nella vita e cercare di farle entrare in queste deliziose mini bag così bon ton e raffinate, ma tanto tanto piccole. Ciò che vi serve di giorno non è esattamente ciò che vi occorre la sera quando uscite. Sfatiamo dunque il mito per cui le donne necessitano di grandi borse per contenere tutte le loro cose, ora infatti la parola d’ordine è mini bag, sinonimo si di praticità, ma anche di eleganza e attenzione per i dettagli. 

Mini Vegan

Conoscete JW PEI? Brand indipendente e 100%vegan, fondato nel 2017, con la missione di offrire accessori di alta qualità. Caratterizzate tutte da un design concettuale e geometrioco, materiali vegani e sostenibili. Forme minimal che richiamano in modo evidente gli anni ‘90, come la hobo GABBI dal manico goffrato in toni brillanti o la RATAN trasformabile che diventa, grazie a dei magneti, una “trottola” o la  EVA dalla forma di una piccola baguette stondata. 

10cm X 8cm

Ci sono poi le magnifiche mini bag Jacquemus, chi di voi non ne desidera una? Sono piccoli gioielli dai colori sgargianti come la Chiquito. Lanciata nella collezione SS18, ha finito per monopolizzare lo street style ed è amatissima da qualsiasi celebrità e ovviamente anche da noi. In soli 10cm x 8cm rappresenta il più grande oggetto del desiderio per noi addicted.

Rigore Moderno

Essenzialità, purezza e autenticità sono i tratti distintivi della collezione Nico Giani per borse dal vibe leggero, spontaneo ed elegante. Trae inspirazione per la Tilly Baguette dagli elementi della natura, la palette spazia dalle calde tonalità dei color della terra, tra cui il rosso mattone, a fredde note di blu. Shiluette precise e materiali di alta qualità.

Design essenziale e rigoroso anche per le bag firmate Roberto di Stefano. L’ispirazione risente di influenze moderniste, grazie alle geometrie dure che richiamano spesso concetti spaziali. Infine tutte sono caratterizzate dalla chiusura a disco specchiato, ormai firma del designer.

Un appeal deciso e raffinato anche per le borse firmate Daniele Amato. Immancabile nelle sue collezioni il tessuto Mesh, ormai identificativo del brand e fiore all’occhiello dell’azienda; si tratta di un intrecciato di fili metallici ricoperti di vero oro 24 kt e vero argento che viene realizzato a mano utilizzando uno storico telaio del 1800. Nascono così oggetti del desiderio esclusivi e dal valore unico. 

Influenze anni ’90 anche per il duo Sungeun Um e Soonyoung Kim, fondatrici del brand Marge Sherwood con geometrie semplici e una predilezione per l’uso della vernice stampata per un effetto coccodrillo. Uno dei modelli mini bag del brand, la Pump Handle si caratterizza per un manico quadrato placcato in oro 24 carati, che richiama la forma cubica della struttura della borsa. 

TO DIE FOR

TUBICI acronimo di “Treat you better is cool indeed” è un sogno, quello di Domenico Iovine e Vincenzo Sabatino, coppia di creativi milanesi che hanno immaginato delle borse “genderless”, da collezionare come oggetti preziosi, dei veri gioielli di artigianato made in Italy. Mini bag ricoperte da una cascata di piume e sbalorditive frange di cristalli. Qualcosa per cui io sarei disposta ad uccidere!

MINI al TOP

Le mini bag dei brand del lusso che ci fanno sognare sono senza dubbio quelle firmate Balenciaga, Saint Laurent e Miu Miu. Le finiture questa volta si fanno nere opaco, la dimensione è ristretta, ma la forma rimane quella originale: il modello più celebre Balenciaga per l’Autunno Inverno 2020/2021 si riscopre in versione micro borsa. Catena e pelle, una piccola nappina, il logo inconfondibile in oro per Saint Laurent. Si chiama Miu Belle e basta il nome ad evocarne l’essenza. Firmata Miu Miu, è microscopica ed è caratterizzata dal pellame matelassé, che racconta anni di accessori del marchio. Morbida e leggerissima, si indossa portata a mano, oppure lasciata dondolare sulla spalla, grazie alla catena dorata removibile.