KARIMA, la cantante senza filtri: l’intervista radio all’artista per presentare il suo nuovo progetto musicale “No Filter”

Il 25 Marzo, è ufficialmente partita la nuova stagione di Visioninmusica, presso l’Auditorium Gazzoli di Terni. Ad aprire il Festival, la cantate Karima, che abbiamo intervistato durante la trasmissione radio RID 96.8 “Sempre più in forma green” condotta da Barbara Molinario
0
150

“No Filter” è il nuovo progetto musicale della cantante KARIMA, che sceglie di presentarsi in un modo diverso e più intimo, unendo lo stile Jazz a quello pop, in un’innovativa versione acustica.

Karima ha aperto il 25 Marzo, presso l’Auditorium Gazzoli di Termi, la nuova stagione di Visioninmusica, che sin dal 2004 ha visto partecipi alcuni dei più grandi artisti del settore musicale.

L’organizzazione del festival della musica è stata affidata a Silvia Alunni, la quale ha voluto fortemente la grintosa voce di Karima per aprire la nuova stagione.

No Filter è il brano che intitola il nuovo album della performer, prodotto da Aldo Mercurio per Parco della Musica Records e Jando Music, con gli arrangiamenti di Piero Frassi.

Abbiamo avuto la fortuna di intervistare Karima per la Radio RID Radio Incontro Donna 96.8 FM, nella giornata del 23 Marzo, all’interno del settimanale appuntamento “Sempre più in forma Green”, in onda tutti i mercoledì dalle 12 alle 14 e condotto dal nostro Direttore, Barbara Molinario.

Ciao, Karima, siamo entusiasti di ospitarti qua a RID. Oggi vogliamo parlare insieme a te di “No Filter”, il tuo nuovo progetto musicale. Tu ormai è da anni che canti, sin da quando eri piccolissima. Hai fatto della tua passione la tua professione, partendo da Bravo Bravissimo, poi Domenica In ed infine approdando ad Amici. Insomma, ne hai fatta di gavetta prima di arrivare ad aprire un Festival importante come quello di Visioninmusica.

Credo sia una grande fortuna poter mangiare con la propria passione. Si… ne ho fatta tanta di gavetta. Ho cantato per tre anni in un coro gospel, ho fatto musical, ho cantato ai matrimoni di americani, nei night club…etc.

Cantare ai matrimoni è stata la vera gavetta: lì metti alla prova la tua capacità vocale, perché canti dalle tre alle tre ore mezza, non come ad un concerto.

Lo studio è importante ma la vera scuola è il palco. Posso conoscere ogni singola nota, ma se non so relazionarmi con i musicisti e con il pubblico, tutto quello che ho studiato non serve a niente.

“No filter” è il tuo ultimo lavoro, ma voglio comunicare anche un altro dei tuoi ultimi progetti: il tuo vinile, che secondo me potrebbe essere un regalo pazzesco per Pasqua. Ci vuoi dire cosa possono trovare i nostri ascoltatori all’interno del disco?

Il vinile è tornato di moda come i pantaloni a zampa di elefante (ride). È un disco registrato in forma diretta, possibilmente senza filtri, con brani, alcuni cantati da molti anni, altri mai cantati.

È stata una vera sfida, come buttare il cuore oltre l’ostacolo.

Mi sono cimentata in questo progetto con tutta l’umiltà e il rispetto nei confronti degli autori di queste canzoni. Ho reinterpretato questi brani attraverso il mio vissuto e con gli arrangiamenti di Piero Frassi, il pianista con il quale lavoro da 18 anni e che mi conosce molto bene, meglio di me stessa. Ha vestito queste canzoni con le tonalità che più si adattavano alla mia voce.

Karima

Prima di lasciarci, volevo farti un’ultima domanda. Quali sono le tue pratiche green?

Tra le mie pratiche green, ovvero i miei piccoli gesti quotidiani, c’è sicuramente quella di chiudere l’acqua quando ho smesso di usarla. Ad esempio, dico sempre a mia figlia di chiudere il rubinetto quando si sta spazzolando i denti, perché non serve sprecare acqua in più. Sono di origine algerina, quando fa molto caldo e l’acqua scarseggia è veramente brutto. Oltre a questo, sfruttiamo il più possibile la luce del sole così da risparmiare elettricità.

Poi, quello che dico sempre è di sensibilizzare il più possibile gli altri verso i gesti sostenibili. Spesso io e mia figlia, quando siamo al mare, ci muniamo di occhialini e maschera, e ripuliamo i fondali del mare.

 

Direi degli ottimi messaggi, ti ringraziamo per il tuo contributo all’ambiente!

Salutiamo Karima, e le auguriamo tanta fortuna per la sua carriera.