Il 2014 è un anno d’oro per Katy Perry

0
1707

FNM katy perry

Di Daniela Giannace

Il 2014 è un anno d’oro per Katy Perry

La cantante americana nel corso dell’anno ha battuto diversi record, costruendo una sorta di impero sui social network.

Katy Perry, nome d’arte di Katheryn Elizabeth Hudson, si potrebbe definire imperatrice della musica nell’ultimo anno per i premi ricevuti e i record battuti che hanno visto allargare la sua cerchia già numerosa di fan. Il 26 giugno 2014 viene premiata dalla RIAA (Associazione Americana dell’Industria Discografica), per essere l’artista che ha venduto di più a livello digitale in tutta la storia negli Stati Uniti, avendo venduto in questo paese oltre 75 milioni di singoli e 7 milioni di album. Il suo ultimo album, dal titolo Prism, uscito nell’ottobre 2013, ha debuttato al vertice della classifica di iTunes in 97 paesi, e continua a riscuotere grandi consensi ancora oggi, con oltre 6 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Dall’album sono stati estratti cinque singoli: “Roar”, “Unconditionally”, “Dark Horse”, “Birthday” e “This Is How We Do”. Sempre nel 2014, Katy Perry ha ricevuto due premi, uno come miglior canzone con “Roar” e un altro come miglior video femminile con “Dark Horse”.

FNM katy perry dark horse

Quello che però desta grande stupore è la schiera sempre maggiore di fan che è riuscita a ritagliarsi, soprattutto in quest’ultimo anno, sui vari social network. In particolare, è la più seguita in assoluto su Twitter, con oltre 62 milioni di follower. Per quanto riguarda gli altri social, su Facebook ha oltre 76 milioni di fan, su Instagram 11 milioni e mezzo di follower, più di 14 mìlioni di iscritti e oltre 4 miliardi di visualizzazioni totali sul suo canale YouTube. Numeri da capogiro, senza contare che il videoclip del suo singolo “Dark Horse è il più visto del 2014, con oltre 740 milioni di visualizzazioni, superando di gran lunga la concorrenza. Merito probabilmente di vari fattori, quali la bellezza della canzone e delle immagini, le molte polemiche che l’hanno accompagnato, o anche il fatto che sia facilmente orecchiabile e resti in mente dopo pochi ascolti. Accusato di plagio, contestato per i presunti oltraggi all’Islam e per questo censurato, il video vede protagonista Katy Perry nei panni di un’ammaliante regina d’Egitto, ribattezzata per l’occasione Katy Patra.
I record che riguardano la talentuosa cantante non finiscono qui, considerando che su Spotify risulta l’artista femminile più ascoltata dell’anno, è stata inserita al nono posto nella classifica di Forbes sulle 100 personalità più influenti al mondo per aver guadagnato 40 milioni di dollari, il Time l’ha messa all’ottavo posto come cantante che ha realizzato più hit pop di sempre, la rivista Maxim crede che meriti il terzo posto nella lista delle 100 donne più sexy del 2014. Un successo sotto vari punti di vista, e che in base a molte persone dipende da fattori quali: una musica divertente con video sempre originali e con la cantante che interpreta i più disparati personaggi favolistici che le calzano a pennello; un timbro di voce particolare; una bellezza non indifferente; una personalità grintosa, ironica e dolce; soprattutto quello che colpisce e che la rende così amata è la sua umiltà.
Katy Perry sta promuovendo il suo ultimo album con il Prismatic World Tour che farà tappa anche in Italia, per un unico concerto in programma al Mediolanum Forum di Assago (Milano) il 21 febbraio 2015. In poco più di due ore dall’avvio della prevendita, i biglietti sono andati quasi del tutto esauriti, polverizzati a tempo di record. Partito dall’Irlanda, il tour europeo ha stupito per il mix di effetti speciali, scenografie, travestimenti e gag che la cantante statunitense ha portato sul palco. La popstar sta già lavorando ad un nuovo album di inediti e ha rivelato che la fonte d’ispirazione per i brani è la sua storia finita con il cantautore John Mayer.