Il giardino incantato di Renato Balestra

La collezione primavera/estate 2018 di Alta Moda presentata da Renato Balestra in occasione della settimana delle couture romana
0
53

L’estetica en plein air di Renato Balestra ci ha conquistati. Per la stagione primavera/estate 2018, lo stilista di punta dell’appuntamento romano con l’Alta Moda, sceglie la natura come prima ispirazione per i suoi gown dress simbolo del Made In Italy. La sfilata si è tenuta nello storico Palazzo Brancaccio di Roma.

La collezione è molto fresca e giovane, sia per le tinte tenui, che per la scelta di tessuti in organza quasi impalpabili. Bianco e verde dominano la palette: quest’ultimo, si presenta in diverse tonalità, come fosse il variegato fogliame di un giardino. Verde mela, pastello, smeraldo fino ad un particolare incrocio con il turchese.

Il tocco di ispirazione dal lontano oriente per l’outfit con kimono in seta è una strizzata d’occhio alle tendenze contemporanee, così come il fiocco macro che sta già avanzando in moda, preannunciando il ritorno alla ribbon-mania con tutta la sua femminilità. Balestra conserva comunque la sua classicità: ripensando anche alle sue collezioni passate, possiamo dire che le sue creazioni escono sempre fuori dal tempo. Capi classici che non rischiano di essere etichettati come “demodè”. Questa sfilata è però meno rigorosa, più leggera. Un elemento come la mantella “svecchia” il concetto di abito da sera e,  fra il vedo e non vedo, rivela una scollatura orlata da perle. C’è anche un’ escursione nel blu notte, dove un intricato gioco di ricami e cristalli fa luccicare la flora toccata dalla luna durante le ore del sonno.  Qui, all’impeccabilità tipica dell’alta sartoria, le linee degli abiti prendono tagli intriganti, fra asimmetrie, foglie intarsiate e sovrapposizioni. Non c’è mai esagerazione in questa collezione all’insegna di una serafica passeggiata in giardino. Non ci sono stampe, i fiori si poggiano sugli abiti con grazia e pare quasi di sentirne il profumo nell’aria. Non serve calcare la mano per esprimere un concetto. Non è necessario stupire in continuazione per fare moda. Un’aggraziata semplicità è stile.

Le spose sono cosparse da una pioggia di fiori a rilievo, da applicazioni con perle o dai fili dell’erba in seta illuminati dagli Swarovski. Le calzature, prodotte da Ebe Group, sono sandali incrociati unica tinta o pumps in suede con braccialetto macro. Per la donna di Balestra è must il monospalla, i volant, le trasparenze discrete, le scollature a V profondissime e le gonne a sirena.