Il Social Wedding: la Onlus dedicata al matrimonio, SOWED, inaugurata presso il salone di Franco&Cristiano Russo

Sowed è la nuova realtà del wedding, dove il matrimonio diventa un momento di condivisione.
0
187

La Onlus Sowed nasce da un’idea della stylist Veronica Bello. Un nuovo approccio al mondo del wedding, quello del Social Wedding, dove anzitutto si condivide. Sowed accompagna i futuri sposi nella scelta dell’abito perfetto, mettendo a disposizione, a fronte di una donazione, il vasto archivio della Onlus i cui abiti sono stati donati da sposi, celebrity, fashion designers, atelier e boutique. Un modo per dare seconda vita ad abiti usati solo poche volte, incentivando la moda sostenbile.

Tutti gli abiti donati che invece, non risultano conformi agli standard qualitativi di Sowed, vengono invece riciclati o donati ad altri enti. Attraverso le donazioni, invece, vengono finanziati progetti formativi il cui scopo è quello di sostenere tutte le donne meno fortunate, come quelle vittime di abusi o violenze che desiderano re-inserirsi nel mondo del lavoro e trovare la loro indipendenza. Ed ecco, così, materializzarsi una vera e propria catena del dono, dove il concetto di Amore diventa universale e si estende al prossimo, facendo del bene. L’idea di Veronica Bello nasce a Londra, città nella quale ha vissuto per un periodo della sua vita, nella quale lavorava presso un charity shop. All’estero,  fashion e beneficienza vanno a braccetto e Veronica ha deciso di portare qui in Italia questo modo di fare moda, mettendo al centro della sua Onlus il matrimonio, un settore che attualmente è tornato parecchio sotto i riflettori. 

Lo scorso 21 Febbraio la Onlus è stata inaugurata presso il salone di bellezza Franco&Cristiano Russo, nella centralissima Via Frattina di Roma. Un pomeriggio interamente dedicato alla sposa, durante il quale sono state presentate tutte le nuove tendenze di make up ed hairstyling dedicate al wedding, nonchè i romantici abiti dell’atelier Sorelle Franceschi Spose. L’evento è stato organizzato dal nostro direttore, Barbara Molinario.