Curare la pelle in menopausa con i prodotti giusti

Pelle giovane? Si può fare! Tutto ciò che c'è da sapere sullo skincare post menopausa
0
516

Proprio come avviene per il nostro corpo, quando le ovaie smettono di produrre estrogeni e progesterone e si entra nel ciclo della menopausa,   anche la nostra pelle subisce dei cambiamenti.

In breve tempo la struttura e la tonicità del viso non sono più le stesse: lo strato superiore della pelle si assottiglia e diventa visibilmente più segnato. La pelle può diventare più secca, sensibile e a volte fare prurito,  o manifestare tendenza acneica.

Scopriamo insieme perché l’invecchiamento cutaneo sembra accelerare durante la menopausa e come affrontare al meglio questo processo, grazie ai cosmetici Vichy.

L’impatto della menopausa sulla pelle

La perdita di estrogeni non è che una delle cause del cambiamento della pelle in menopausa.

Durante questa fase, infatti, anche il livello di altri ormoni si riduce, incluso quello del deidroepiandrosterone. Conosciuto anche con il nome di Dhea, che agisce sulla produzione del  collagene, dello  spessore epidermico, idratazione e sebo.

La scienza ha da tempo confermato il legame esistente tra la riduzione di questo pre-ormone, prodotto in modo naturale dall’organismo, e l’invecchiamento cutaneo.

Quando le donne entrano in menopausa, il 90% del Dhea presente nel corpo scompare. Le ricerche hanno mostrato che, se applicato a livello topico, il Dhea, aiuta a contrastare cambiamenti più evidenti che avvengono nella la pelle delle donne in menopausa come perdita di elasticità e secchezza.

Contrastare l’invecchiamento cutaneo

Dietro la pelle secca che le donne mostrano in menopausa si cela il calo di ormoni ed estrogeni. La pelle, che non è più in grado di mantenere la sua naturale idratazione attraverso il sebo, diventa così progressivamente più secca, a causa della riduzione simultanea nella produzione di lipidi e sebo.

La pelle in post-menopausa presenta fino al 57% in meno dei lipidi essenziali al suo nutrimento rispetto alla pelle in premenopausa. È consigliabile adottare una routine di bellezza in grado di contrastare questa specifica situazione. E’ il momento di scegliere creme ancora più ricche e nutrienti per mantenerla adeguatamente idratata e ripristinare la funzione della barriera protettiva.

Scegliere principi attivi dall’azione nutriente, che combattono l’assottigliamento dell’epidermide. in particolare, il Proxylane™, ingrediente attivo all’avanguardia, favorisce la sintesi delle molecole e stimola l’epidermide a recuperare il suo tono riducendo le rughe. Ingredienti come l’hedione, invece, agiscono sulla produzione dei lipidi per contrastare la riduzione di sebo. Infine, come in ogni fase della vita, anche durante la menopausa la pelle trae beneficio dagli ingredienti che sono il punto di riferimento per l’idratazione: l’acido ialuronico e la glicerina, utili a tenere sotto controllo la secchezza cutanea e il prurito.

Durante la menopausa si verifica anche  una  sovrapproduzione di androgeni che può causare un accumulo di sebo a livello dell’epidermide, scatenando la comparsa dei segni di pelle a tendenza acneica. Generalmente di intensità moderata e transitoria, la pelle a tendenza acneica in menopausa può essere trattata con prodotti specifici. Per una skincare  ottimale è consigliato l’uso di un detergente quotidiano in gel con una maschera e un trattamento esfoliante da utilizzare una o due volte a settimana, per liberare la pelle dal sebo in eccesso. La crema idratante da giorno dovrà contenere fattori di protezione solare, poiché il sole può peggiorare i segni della pelle a tendenza acneica, e per la notte: una crema ricca e nutriente formulata per la pelle in menopausa.