Piastra professionale per capelli: come sceglierla e le sue caratteristiche

Una piastra non professionale può davvero danneggiare permanente la chioma: per non incorrere in questo errore, scopri di seguito alcune informazioni fondamentali sulle piastre per capelli professionali. 
0
155

Avere capelli perfettamente lisci e setosi è il sogno di molti; tuttavia, non tutti nasciamo con una struttura del capello liscia e priva di naturali ondulazioni. Per chi desidera questo tipo di pettinatura, dunque, è necessaria la presenza in casa di una piastra, l’accessorio ideale che – con poche passate e grazie al calore emesso – è in grado di appiattire la chioma rendendola subito liscissima. Ma le piastre non sono certo tutte uguali, anzi: è fondamentale optare per una piastra professionale per capelli e stare ben attenti ad alcune caratteristiche peculiari che la rendono tale. Una piastra non professionale può davvero danneggiare permanente la chioma: per non incorrere in questo errore, scopri di seguito alcune informazioni fondamentali sulle piastre per capelli professionali. 

Regolazione della temperatura 

Sappiamo che le piastre per rendere lisci i capelli o per studiare uno styling creativo funzionano per mezzo del calore emesso, ma questo calore dovrebbe sempre essere controllato. Quando stai per acquistare una piastra professionale, verifica che sia presente un pulsante per regolare la temperatura. Non un semplice “on/off” quindi, ma almeno due livelli di temperatura dichiarata, ancor meglio se con la possibilità di scegliere direttamente il grado desiderato. 

Piastre interne in ceramica 

Le piastre commerciali e non professionali hanno spesso le piastre interne in metallo, ma col tempo quelle professionali si sono evolute e hanno adottato la ceramica. Questa non danneggia e aggredisce eccessivamente il capello, ed è il materiale perfetto per condurre al meglio il calore. Bastano pochi passaggi con una piastra in ceramica per avere uno styling liscio. 

La differenza principale: i materiali utilizzati 

Le piastre per capelli professionali sono diverse soprattutto per un elemento: i materiali di altissima qualità. L’assemblaggio della piastra con materiali certificati e testati in maniera approfondita ne garantisce il funzionamento e la delicatezza sul capello, per rendere la capigliatura super liscia in poco tempo, nel rispetto della sua fibra e della sua struttura.

L’importanza degli ioni 

Le piastre per capelli preferite dagli esperti sono quelle con tecnologia a ioni, che possono essere utilizzati anche sui capelli bagnati e umidi. La capacità ionizzante agisce direttamente sulle particelle d’acqua del capello bagnato, ed è possibile quindi evitare di asciugare i capelli con il phon grazie alla piastra con ioni. Lo ionizzatore libera gli ioni eliminando l’elettricità statica, donando uno stile praticamente perfetto sui capelli. 

Come utilizzare al meglio la piastra 

Ecco alcuni consigli utili per utilizzare al meglio la piastra e non rovinare i capelli:

  • Non passare troppe volte la piastra sulla stessa ciocca;
  • Applica qualche spruzzo di termoprotettore prima di passare la piastra;
  • Non utilizzare la piastra più di una volta a settimana;
  • Utilizzala su capelli perfettamente asciutti, se non indicato diversamente dalla tipologia;
  • Attenzione alle alte temperature: inizia da una temperatura media;
  • Se devi ripassare sulla stessa ciocca perché non è venuta come desideravi, attendi che prima il capello di sia raffreddato completamente;
  • Prova a fare la piega sempre la mattina, avendo cura di lavare i capelli la sera prima per far assorbire al cuscino l’umidità in eccesso;