Hairdressers against AIDS

0
981

Presentazione standard di PowerPointPresentazione standard di PowerPoint

Di Alessandra Rosci

Hairdressers against AIDS

Moda e bellezza per la lotta contro l’AIDS.

L’AIDS (Acquired Immunodeficiency Syndrome) è ancora ben lontana dall’essere sconfitta, per questo a Roma il 1° Dicembre l’Oréal, che da sempre con la sua Fondazione prende parte al processo di educazione sociale sulla lotta contro l’AIDS, si è unita ad UNESCO per supportare “Acconciatori contro l’AIDS”, un programma per responsabilizzare maggiormente le persone, in maniera concreta e positiva ad una più attenta prevenzione verso una malattia di cui si parla sempre meno, ma che continua ad essere un problema di grande attualità.

La data del 1° Dicembre è stata scelta perché il primo caso di AIDS è stato diagnosticato esattamente il 1° Dicembre 1981 negli Stati Uniti d’America. Secondo gli ultimi dati disponibili, coloro che sono risultati sieropositivi sono, difatti, 35, 3 milioni nel mondo. Nonostante l’efficacia dei nuovi farmaci, non è ancora possibile guarire dall’AIDS e la curva dei nuovi casi non ha mai smesso di crescere. Purtroppo, la malattia causata dal virus dell’ HIV (Human Immunodeficiency Virus) non ha ancora cura e, sebbene la ricerca stia facendo del suo meglio per trovarne una definitiva, la miglior soluzione possibile che tutt’oggi si presenta è  in modo assoluto la prevenzione. Per questo, la giornata mondiale contro l’AIDS è dedicata a sensibilizzare le persone sul tema, a combattere la discriminazione, a favorire l’accesso ai servizi sanitari, ad incoraggiare l’inclusione sociale e, soprattutto, a promuovere comportamenti più sicuri.

L’Oréal, rispondendo con la consueta generosità all’invito della responsabilità sociale, per questa giornata ha organizzato presso la sua Accademia in Piazza Mignanelli 23 a Roma, uno straordinario evento di solidarietà che si ripete ogni anno con rinnovato entusiasmo e piacere grazie all’impegno di una affiatatissima squadra di acconciatori che collaborando tra loro e con un unico obiettivo, permette ogni volta un successo assicurato. Lo scopo di questi professionisti è di ricordare i progressi compiuti nella cura, nella prevenzione e nell’informazione dell’AIDS e al contempo di rendere partecipe l’intera comunità e i singoli individui verso le nuove sfide che la malattia propone di affrontare e gli obiettivi non ancora raggiunti. Ricordandoci che l’AIDS è un argomento importante da non trascurare e dimenticare, l’Orèal, per non abbassare l’attenzione su una malattia che è stata spesso oggetto di stigmatizzazione, ci invita a riflettere quanto sia fondamentale ottenere un maggiore impatto attraverso il dialogo e la stimolazione di corretti stili di vita affinché si arresti la sua diffusione.

Nel corso dell’evento, agli invitati, coccolati con trattamenti di bellezza, sarà distribuito loro materiale informativo e preservativi ed inoltre, gli sarà richiesto di fare un quiz, presente anche sul sito www.acconciatoricontroaids.it, per valutare il livello generale di conoscenza sulla tematica. Un modo, questo, per continuare a promuovere la consapevolezza rispetto al virus e alla sua trasmissione e per ricordarci che, noi meglio di chiunque altro, con la nostra passione e dedizione, possiamo ispirare altre persone a fare altrettanto, perché, come dice anche lo slogan sulla campagna per la lotta contro l’AIDS, “uniti contro l’AIDS si vince”.