FNM Book – “W come Woody – Le tematiche dei film alleniani dalla A alla… W” di Olga Lumia

Olga Lumia, con questo libro, ha approfondito i temi distintivi delle pellicole del regista Woody Allen.
1
183

Dopo il successo di “Nessuno sa da dove arrivi l’amore”, romanzo pubblicato da Armando Curcio Editore, Olga Lumia ritorna con “W come Woody”, un saggio sul cinema alleniano, presentato ieri, in anteprima 15 Giugno 2017, al Jazz Club Alexanderplaz di Roma. Sono intervenuti il giornalista e scrittore Giorgio Dell’Arti e il regista e musicista Stefano Reali, che con il suo quartetto jazz ha eseguito alcuni tra i brani più famosi dei film di Woody Allen. L’autrice televisiva Ornella Palumbo,  ha introdotto la serata.

Woody Allen, attore, regista, sceneggiatore, scrittore e commediografo, dal 1966 a oggi, ha diretto quasi un film all’anno;  con il lungometraggio “Io e Annie” con Diane Keaton, ha vinto nel 1978 ben quattro Oscar (miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura e miglior attrice protagonista), mentre con “Hannah e le sue sorelle” e “Midnight in Paris” ha vinto l’Oscar come miglior sceneggiatura originale.

Gà dalle prime sceneggiature sono lampanti le “ossessioni” più ricorrenti di questo poliedrico artista: il sesso e la psicanalisi, la morte e il senso della vita.

Olga Lumia che è una grande appassionata di Allen (ha avuto, tra l’altro, la fortuna di conoscerlo personalmente a New York), con questo libro ha approfondito i temi distintivi delle pellicole del cineasta e, passando sotto la lente ad ingrandimento passioni, bugie, tradimenti e rimpianti, ne ha redatto un alfabeto del tutto singolare e assolutamente accattivante. L’autrice propone, l’“alfabeto alleniano” dei temi che ritornano in tutti i film del regista newyorkese. Lettera dopo lettera e tema dopo tema, nel suo saggio, si passa dalla A di Accident (il caso) alla  dalla M di Marriage (il matrimonio), dalla P di Politics (la politica) sino alla W di Woody, dove il percorso si conclude con l’analisi del personaggio Allen.  Con il capitolo W come Woody, dedicato allo stesso regista. 

 Ecco qualche passo dell’introduzione al libro:

“Woody Allen. Da profondo pensatore, esplora i sentimenti umani. Da sceneggiatore e regista, li racconta con onestà e sensibilità. Attraverso i suoi film, ci fa conoscere le insidie della vita. Senza mezze misure, ci mette di fronte ai grandi drammi dell’esistenza e, allo stesso tempo, ci dà gli strumenti per continuare a stare nel mondo. Ci aiuta ad accettare il dolore. E a vivere.

E lo fa parlandoci d’amore, d’ironia e dandoci la speranza delle illusioni. Woody Allen arriva, quindi, dove nessun altro pensatore è mai riuscito. Perché non si ferma alla parola scritta, ma le dà afflato vitale attraverso le storie e i volti dei suoi personaggi, che di fatto, siamo tutti noi”.

Il libro è adatto a tutti gli appassionati dei film di Woody Allen, che sono un numero sempre crescente.  Inizialmente Woody Allen era considerato un regista per palati raffinati mentre, oggi, grazie anche a diversi cicli che le emittenti televisive hanno dedicato ai suoi film, è amato dal pubblico italiano  e il target dei suoi estimatori è decisamente variegato: studenti, casalinghe, intellettuali, giornalisti e uomini di spettacolo. Questo perché il regista affronta tematiche fondamentali della vita in cui tutti si riconoscono sempre più. 

NOTA BIOGRAFICA DI OLGA LUMIA:

Olga Lumia nasce ad Agrigento, nel 1969. Nel 1993 si laurea in Filosofia. In seguito, si abilita all’insegnamento. Dal 1994 scrive per Il Giornale di Sicilia ed è responsabile di vari uffici stampa. Dal 2003 collabora a diversi programmi Mediaset e Rai, come I fatti Vostri Unomattina. I suoi scritti sono pubblicati nelle riviste Fuorivista e Colapesce (Nuova Ipsa Editore), Alice nella Città (Edizioni Arkè) e Poesie Italiane (Aletti Editore). Nel 2015 scrive e illustra, con Victor Shlyakhin, il libro di fiabe Favolare (Prospettiva Editrice). Nel 2016 esce il suo romanzo Nessuno sa da dove arrivi l’amore (Armando Curcio Editore). 

Editore: Edizioni LEIMA

Prezzo: 24,00 euro

 

Comments are closed.