Intervista a Maryam: la cantante dalla la voce invincibile

Maryam, la vincitrice dell’ultima stagione di “The Voice of Italy” si racconta a FashionNewsMagazine per l’uscita del suo nuovo singolo “Con te dovunque al mondo”.
0
29

La musica è la mia arma e sul palco divento un’altra persona. Lì sono davvero me stessa. Con la mia voce combatto contro il pregiudizio e l’apparenza”. (Maryam)

Maryam Tancredi, classe 1999, è la vincitrice di “The Voice of Italy”, il talent show trasmesso su Rai due che ha portato alla ragazza la fortuna di affermarsi in pochissimo tempo sul palcoscenico musicale italiano. Un “teatro” non facile se si considerano i vari programmi che giorno dopo giorno fanno conoscere sempre nuovi ragazzi giovani e talentuosi.

Maryam si è fatta strada nel mondo della musica con determinazione e studio, ed è arrivata, nel 2012, al grande pubblico nella quinta edizione del talent “Ti lascio una canzone”. Oggi quella ragazzina dodicenne è diventata una donna con il sogno della musica nelle vene, un desiderio che diventa sempre più realtà. E, come conferma lei, la musica è la strada che ha intenzione di percorrere senza arrendersi mai.

Ad ogni modo, l’11 Gennaio ha visto l’uscita per Universal Music Italia, del suo nuovo singolo “Con te dovunque al mondo” che anticipa la pubblicazione dell’album in primavera. Nonostante il brano non sia stato scritto dalla cantante, Maryam afferma di averci messo anima e cuore nel cercare di interpretare la canzone in modo che rispecchiasse le sue esperienze vissute e precisa: “Il pezzo non è stato scritto da me, ho rielaborato a modo mio quello che poteva trasmettermi in base a sensazioni o elementi della mia vita che ho già vissuto, cercando di rendere il racconto del brano il più veritiero possibile”. Con queste parole Maryam si ripresenta al pubblico dopo aver partecipato l’estate scorsa al Wind Summer Festival ed essersi classificata nei sessantanove finalisti di Sanremo Giovani 2018.

Una canzone che parla di sentimenti, di un amore ormai terminato in cui l’unica soluzione sembra dimenticare, scappare lontano e ricominciare da zero. Parole che ci insegnano a lottare per quello in cui crediamo, ma anche ad avere il coraggio di lasciare andare e la forza di rialzarsi dal dolore.

 

Cercando di invertire una tendenza che ha spesso visto i vincitori del talent della seconda rete Rai in difficoltà nel mercato discografico, Maryam si racconta a FashionNewsMagazine:

Sei una giovane promessa della musica. Qual è il momento della tua vita in cui hai capito che volevi fare la cantante?

Ho capito fin da subito che la musica sarebbe stata un qualcosa di fondamentale nella mia vita! Già quando avevo un anno ancora non camminavo, ma cantavo”.

Hai partecipato a diversi talent show e hai vinto “The Voice of Italy” nell’ultima edizione. Cosa, secondo te, avrebbe visto in te Al Bano che gli altri giudici dei talent concorrenti non hanno fatto?

Forse la voglia di fare, la genuinità, il fatto che la musica, per me come per lui, si fa perché la si ama

Hai dichiarato di non aver scritto il tuo singolo “Con te dovunque al mondo”. Perché hai scelto questa canzone? C’è qualcosa di autobiografico all’interno di questa? Qual è il messaggio che vuoi trasmettere attraverso queste parole?

Esatto! Non ho scritto io il nuovo singolo, ho scelto però questo pezzo perché sentivo che poteva darmi tanto, sia come testo che come musica. Ho sentito che dovevo farlo mio”.

Nella vita si sa ci sono alti e bassi, quali sono le delusioni artistiche più grandi che hai dovuto affrontare durante il tuo percorso musicale?

Io credo che la cosa che ancora tutt’oggi sto affrontando é il giudizio delle persone. Ho lottato e lotto ancora con chi dice che per il mio peso non posso fare o diventare quello che realmente voglio. Io sono qui che continuo per la mia strada”.

Un messaggio importante trasmesso dalla cantante di cui si fa portavoce, ossia quello di non arrendersi e di trasformare il dolore in forza e amore per il prossimo senza mai cadere nell’odio e nel risentimento. Una voce invincibile che la Universal Music porterà sicuramente molto lontano.