Nove it-bag e la loro versione low cost

Tendenze luxury e come renderle affordable
0
694

Per ogni seguace della moda la it-bag rappresenta tutto. Il loro design irresistibile spopola sulle homepage di Instagram e Pinterest. Il loro richiamo dalle vetrine è ammaliante come il canto di una sirena.

Solo un ostacolo fra una donna e la sua it-bag , ovvero il prezzo proibitivo. Ma non è una tragedia! Si può ottenere lo stesso vibes anche senza spendere un capitale. Basta fare ricerca.

La versione low cost di una it-bag può essere più utile di quello che credi

Non si tratta solo di rendere affordable una tendenza luxury. Magari stai pensando di comprare una it-bag, ma hai ancora qualche dubbio. La sfrutterai al massimo? In questo caso, l’acquisto di una versione low cost ti può essere davvero utile. Capirai se, davvero, quella determinata borsa, si adatta al tuo stile ed al tuo guardaroba. Ed allora, quando un brand di lusso ti renderà più leggera di qualche migliaio di euro, saprai che ne è valsa la pena. Un altro valido motivo per acquistare una it-bag nella sua versione fast fashion è il fattore durata della tendenza. Delle volte, i trend esplodono e si consumano nell’arco di poche stagioni. Se vuoi un acquisto che duri nel tempo, infatti, è consigliabile investire nei modelli classici e godere delle hit passeggere nella loro versione economica. Ricorda sempre che un outfit ben pensato non è necessariamente costoso… ed anche che, talvolta, certi look costosissimi possono sembrare davvero cheap. Tutta una questione di gusto e ricerca.

La moda del 2020 in due parole: Bottega Veneta

Daniel Lee ha veramente “rovinato” le nostre vite. Ci svegliamo di notte urlando “La borsa Bottega Veneta…nooo!”. Si è infiltrato nelle nostre menti, ha toccato il nostro cuore. La novità della stagione è la “Padded Cassette” e le sue favolose varianti cromatiche. L’intreccio classico di Bottega Veneta è adesso più contemporaneo nella sua variante ortogonale. Rimane in qualche modo rigoroso, ma molto easy to wear. Questa it-bag è perfetta da indossare con un completo dalla tinta accesa, magari a contatto cromatico. Altra opzione: un ipotetico styling vincente, è quello che gioca sulle texture diverse in una base cromatica a tinta piatta. Questo eleva davvero un outfit e dona quel senso di trimensionalità, luci e ombre, che rende un look molto ricercato.

Bottega Veneta: borsa “Padded Cassette” in nappa con intrecciato ortogonale. Dotata di tracolla, da portare come clutch. Disponibile in otto diverse colorazioni. € 2.200

Mango: Mini pouch in ecopelle intrecciata e manico. Dotata di tracolla sottile regolabile.  € 29.99

“The Pouch” è senza dubbio la it-bag più fotografata del momento. Sui social ci piove addosso continuamente. Influencers, celebrity, editoriali moda. Tutte la vogliono. Fra le alternative low cost, quella di Zara è davvero ben fatta e molto elegante. Cosa manca? Tutte le varianti cromatiche… quelle, ahimè, scarseggiano!

Bottega Veneta: clutch “The Pouch” in pelle di vitello Butter. Disponibile in cinque colorazioni. € 2.100.

Zara: clutch in ecopelle soft dotata di tracolla sottile. Disponibile in due colorazioni. € 69.95

La tote bag del momento è Dior

Già da qualche stagione sulle passerelle di Dior nelle sue molteplici varianti: in monogram, in check o nelle versioni Limited edition: parliamo della Dior Book Tote. Questa tote ha spopolato così tanto, che in breve tempo sono state lanciate anche le versioni medium e mini. Ma non è tutto: in boutique è anche possibile customizzarle, affiancando il proprio nome a quello di Christian Dior. È la it-bag perfetta da portare in viaggio, con il suo unico vano extra large. Siate vigili: non è dotata di cerniere quindi è facile perdere qualcosa.

Dior: maxi tote “Dior Book Tote” con doppio manico in special limited edition. € 2.500.

Parofis: shopper multicolor in tessuto con motivo azteco e guitar strap. € 45.99.

Eri piccola, piccola… così!

Quando Jacquemus lanciò queste mini micro bag, l’intera comunità virtuale ridacchiava. Ma, la verità è che questa borsa è così graziosa che non si può proprio farne a meno. “Le Chiquito” è il classico esempio di tendenza veloce: oggi le amiamo, domani non si sa. Beh, in questi casi, è più che giustificato l’acquisto di una versione meno dispendiosa che rimane comunque graziosa.

Jacquemus: mini borsa “Le Chiquito” in pelle da portare a mano. € 425.00.

Glamorous: mini borsa in ecopelle con doppio manico e chiusura magnetica. Disponibile in tre colorazioni. € 43.99

Baguette appena sfornate

La Baguette ritorna in auge e spopola come ai tempi di Sex and the City. Tantissime le varianti: dal classico tessuto zucca FF, ai modelli Limited edition con applicazioni, perline, paillettes, stampe grafiche. Noi vi proponiamo la sua versione in pelle a tinta piatta con pattern FF a rilievo. Ovviamente rosa!

Fendi: borsa crossbody “Baguette” in misura media. Pattern FF a rilievo in nappa. Disponibile in dodici colorazioni. € 2.300

Asos Design: borsa crossbody in ecopelle con stampa cocco. Si può portare a tracolla e si può trasformare in marsupio. € 21.99

Ma non è tutto da casa Fendi: anche la Peekaboo sta facendo tendenza, soprattutto se abbinata all’accessorio Peekaboo Defender che permette di cambiarne lo stile. Conveniente, no?

Fendi: borsa a mano con tracolla “Peekaboo Iconic Mini” in pelle. Disponibile in tre colorazioni e una moltitudine di varianti. € 2.600.

Aldo: borsa in ecopelle “Hoallan” con manico in metallo rose gold e stampa cocco. Disponibile in due colorazioni. € 50.00.

Indispensabile se ami lo stile boho e festival

Potremmo dire che Chloè lancia sul mercato esclusivamente it-bag annuali. Investire nel brand francese del boho per eccellenza, può spesso rivelarsi un rischio. Però diciamolo: il loro design colpisce sempre. La Nile Bag, che per due/tre anni ha fatto breccia nei cuori delle fashioniste, oggi è totalmente out of style. Uno dei modelli di punta per questa stagione è la Tess, con le sue dieci varianti cromatiche e l’emblematico anello, tratto distintivo del marchio.

Chloè: borsa crossbody “Tess” in pelle di vitello lucida e scamosciata. Disponibile in dieci colorazioni. € 1.390

Warehouse: tracolla in ecopelle a mezzaluna. € 34.99

Prada o Nada? Nah!

La moda dei primi 2000 non è particolarmente memorabile. I jeans a vita bassissima con i perizomi all’orizzonte (terribile), i vestitini impero con i leggings sotto (terribile), le gonne a palloncino (terribili). Eppure, la famosissima borsa in nylon Prada, risulta accettabile. Come, del resto, la Saddle Bag di Dior. Entrambe sono minibag dalla forma a banana e dal manico corto da portare sotto braccio. Ma a differenza della cugina francese, la Re-Edition di Prada ha un prezzo davvero accessibile (beh, certo… è di nylon!).

Prada: mini bag “Prada Re-Edition 2000” in nylon e pelle Saffiano. Disponibile in sei colorazioni. € 550.00

Top Shop: mini bag “Banana Grab” in tessuto ed ecopelle. € 25.99

Ancora Prada, stavolta con un piccolo secchiello dotato della distintiva placca triangolare con logo. Da portare a mano o a tracolla. Una borsa daily che si abbina bene a jeans e blazer, così come a vestitini svolazzanti a fiori o a maxi bermuda. Puntate su un colore sgargiante o sul total white!

Prada: borsa a secchiello in pelle di vitello con tasca e placca logo frontale. Disponibile in cinque varianti cromatiche. € 1.100

River Island: borsa a secchiello in ecopelle con tracolla e catena. € 43.99