Mascherine al top: come realizzarle a casa con il tutorial della designer Cool Lalla

La designer catanese Cool Lalla ci illustra come realizzare a casa mascherine davvero cool
0
6692

Quando, sui social media, ho visto la mascherina della designer Cool Lalla, abbinata ad un turbante ho avuto un vero e proprio colpo di fulmine.

Sopratutto per la didascalia: “L’animalier è basic”. Una statement che ha convertito perfino una non simpatizzante dell’animalier come me!

In questo periodo di guanti, amuchina, mascherine e distanze di sicurezza, la moda soffre. Di certo non potrei mai mettermi qui, su Fashion News Magazine, a parlarvi di scarpe Fendi o borse Dior. Mi sentirei proprio stupida. Ma la mia parte cool-hunting non ha smesso di farsi sentire, neanche durante la quarantena.

Il lockdown 2020 potrebbe essere definito l’anti-moda per eccellenza… ma non è detto!

Trasformare la mascherina in un accessorio top, trovo sia proprio “alchimia” dello stile. Prendiamo la pandemia e facciamola diventare moda. Myss Keta insegna! LOL!  Quindi, ho subito contattato la bravissima designer Cool Lalla e mi sono fatta spiegare come realizzare queste mascherine troppo cool! Questa stilista emergente catanese ha creato una vera e propria rete di creativi, sparsi in varie zone, che realizzano mascherine per lavoratori e per tutti coloro che he ne hanno bisogno.

Attenzione, please: non si tratta di un presidio medico chirurgico!

Tuttavia, se, come me, non siete riuscite a trovare una mascherina neanche dallo spacciatore o pagandola oro colato, questa può essere un’ottima soluzione per le brevi uscite-causa-spesa (o per farvi i selfie su Instagram!). E credetemi, sarete regine di stile al supermercato (ovvero il nuovo ritrovo mondano di tendenza)!

Materiale Occorrente:

  • il carta modello di Cool Lalla

  • due lembi di stoffa esagonali ritagliati dal carta modello
  • Spilli
  • 40 cm di elastico o fettuccia elastica
  • Un metro
  • Forbici

Per realizzare le mascherine, potete utilizzare la macchina da cucire o ago e filo.

La mascherina cool di Cool Lalla: il tutorial

Ogni lembo va piegato in due parti mettendo all’interno il dritto e all’esterno, l’interno della mascherina.

Cucire le due pence (le parti segnate in rosso nel carta modello). Queste, devono essere profonde 1,5 cm e lunghe 5 cm. Tagliare gli angolini di stoffa.

Posizionare i due lembi di stoffa aperti, dritto con dritto. In questo modo, all’esterno si vedrà l’interno della mascherina.

Posizionare all’interno dei due lembi l’elastico, quindi porre l’altro lembo e fissare l’elastico con uno spillo. L’elastico deve distanziare dal tessuto 1 cm circa. Ripetere l’operazione con l’altro lato della mascherina.

Iniziare con la cucitura, partendo da circa 3 cm rispetto alla posizione dell’elastico. Proseguire a giro, fino all’altro elastico, lasciando un’apertura di circa 4 cm.

Girare la mascherina dal dritto e fare due punti nell’apertura, da entrambi i lati. In questo modo, la mascherina rimarrà aperta, ma la stoffa non uscirà fuori nel momento in cui si andrà ad inserire o prelevare il filtro da inserire all’interno.

Ed ecco pronta la vostra mascherina! Per il filtro, potete utilizzare della garza sterile traspirante, del cotone 100% o perfino la carta forno se proprio non avete altro.

Conosciamo Cool Lalla

Se vivete a Catania e siete delle trendsetter, è quasi impossibile che non abbiate un accessorio Cool Lalla. È una vera e propria mania! Fra turbanti, fasce, cerchietti e ready to wear customizzato, arricchito con piume o graffiti art disegnati a mano. Cool Lalla è proprio un turbine di creatività. Un brand fra gli astri nascenti da tenere sott’occhio, che si sta espandendo ben oltre lo stretto con clienti sparse in tutta Italia ed all’estero. Tante anche le influncer, modelle, cantanti ed artiste che hanno indossato i suoi capi ed accessori. Non potete non innamorarvene!

Model: Lorena Grisafi
Photo: Lucrezia Belfiore
Mua: Simona Spampinato

Ma non è tutto: Lalla in questo momento si sta anche adoperando per aiutare la comunità, realizzando mascherine per cliniche e lavoratori. Conosciamola un po’ meglio!

1)Qual è il tuo look da quarantena?

Il mio look da quarantena si alterna fra outfit “improponibili” (super maglioni pelosi in abbinamento a joggers in acetato – completamente senza trucco e senza piega) e outfit che userei quotidianamente per uscire (parlo di look non proprio basic!). Il tutto accessoriato, naturalmente, dai miei turbanti!

2)Come prosegue la tua attività durante questo periodo di lockdown?

La creatività non si ferma mai: preparo bozzetti, appunto idee ed immagino le prossime collezioni del mio brand. È un processo che non posso fermare, le idee chiamano ed in questo momento in particolare, dedicarmi alla moda è terapeutico per affrontare la quarantena col buonumore. La maggior parte del mio tempo è comunque occupata dalla realizzazione di mascherine per cliniche e lavoratori. Mantengo sempre attivo il contatto con le mie clienti, alcune delle quali hanno già fatto degli ordini che verranno loro recapitati una volta terminata la quarantena. Inoltre, collaboro con Pop Up Market Sicily con due rubriche trasmesse in diretta su Instagram: una dedicata al Beauty, l’altra dove intervisto giovani creativi.

3)Pensi che un accessorio moda possa essere “terapeutico” in questo momento dove l’umore generale è un po’ basso? È così che è nata l’idea delle tue mascherine cool?

Assolutamente si! Nel mio caso, il turbante, ovvero l’accessorio di punta del mio brand, si rivela davvero utilissimo per sentirsi più belle ed attraenti. Perfetto per coprire la ricrescita o la piega trascurata. Un accessorio colorato risalta lo sguardo, illumina il viso e sposta l’attenzione dai piccoli difetti. Il mio primo prototipo di mascherina è proprio quello animalier della foto: vi immaginate la faccia della cassiera del supermercato quando mi ha vista? È bello strappare un sorriso alle persone!

Anche il make up è terapeutico: in quei giorni dove ci si sente  un po’ più spente, un bel colore vivace sulle labbra può davvero fare la differenza! Io ad esempio amo il rossetto viola: mi fa sentire subito più bella quando mi guardo allo specchio… e l’umore sale!

4)Parlaci di come stai aiutando la comunità attraverso il tuo lavoro

Tutto è nato da mia madre, che realizza mascherine per il reparto pediatrico dell’ospedale di Lentini. Abbiamo notato che molti dei carta modelli che si trovano su internet sono molto complicati da realizzare, così io, essendo modellista, ne ho creato uno più semplice, adatto anche ai meno esperti. Attraverso il mio canale Instagram, ho divulgato tramite delle dirette, i miei tutorial per realizzare le mascherine. Sia in italiano, che in inglese, tramite due canali social di New York e Londra, in modo da sensibilizzare quante più persone possibili all’uso di mascherine ed alla produzione di queste. Dopo queste dirette, sono stata letteralmente subissata di richieste, così, ho unito le mie forze con altri creativi ed abbiamo creato una vera e propria Family. Adesso ci adoperiamo per creare mascherine per tutti coloro che ne hanno bisogno: dalle cliniche, ai lavoratori. La nostra rete è suddivisa per zone, in modo tale che ognuno possa fare il ritiro vicino casa. Sono molto fiera, perché questa rete si sta espandendo sempre di più: dalla mia casa di Catania fino a Roma o Milano. Le richieste arrivano a me ed io provvedo a rintracciare il creativo della zona più vicina a chi ha bisogno della mascherina. Oltre questo, ho realizzato anche un tutorial e messo a disposizione il mio carta modello sul mio canale Instagram.