Il Presepe Blu Notte di Guido Strazza in esposizione a Roma

L’opera lucana approda alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea.
0
460

È stata inaugurata martedì 8 dicembre alle ore 18.00 in diretta online, presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma la mostra del Presepe Blu Notte, aperta fino al 31 gennaio 2021. L’opera, realizzata da Guido Strazza, proviene dalla collezione del Museo del Presepio “Vanni Scheiwiller” di Castronuovo Sant’Andrea, Potenza. L’esposizione è curata dal critico d’arte Giuseppe Appella. Un’attenzione quella di Roma per l’opera lucana che costituisce motivo di grande orgoglio per la popolazione della Basilicata, che si apre alla ribalta nazionale con un “prodotto” dalle antiche origini, e che si colloca sia in ambito culturale che religioso.

L’evento di inaugurazione dell’esposizione del Presepe Blu Notte

L’inaugurazione della mostra del Presepe Blu Notte si tenuta martedì 8 dicembre alle ore 18.00 con una diretta trasmessa in contemporanea sul canale Youtube Basilicata Turistica e sul sito web TRM Network. L’evento è stato realizzato dall’Apt (Azienda di Promozione Turistica) Regione Basilicata con il patrocinio dell’Accademia di San Luca e dell’Accademia dei Virtuosi del Pantheon.
Una manifestazione suggestiva che nonostante la mancanza di pubblico è riuscita a creare inclusione e coinvolgimento grazie alle immagini in onda live. Gli spettatori online hanno assistito ad un connubio di varie forme d’arte, ovvero pittura, scultura, musica e poesia. L’accensione infatti è stata accompagnata dall’esecuzione di una suite che il compositore Jeorge Friederich Haas ha realizzato proprio in occasione dell’evento. Inoltre, l’autore del Presepe Blu Notte Guido Strazza ha scritto una Preghiera, la cui lettura in occasione dell’inaugurazione è stata affidata all’attore Blas Roca Rey.

Le parole del direttore dell’Apt Antonio Nicoletti

Antonio Nicoletti, direttore dell’Apt, ha così commentato: “La Basilicata si presenta al pubblico nazionale appassionato di arte contemporanea con un’opera simbolica che testimonia la sua antica cultura legata ai significati di fede del Natale, interpretata e tradotta con linguaggio e sensibilità d’artista. Un valore simbolico proprio perché rappresenta lo straordinario patrimonio artistico diffuso nei borghi della Basilicata, nei due capoluoghi, a testimonianza di una qualità che caratterizza l’offerta di turismo culturale in Basilicata e che puntiamo a valorizzare anche in questa occasione”.