Il premio GammaDonna 2021 porta in TV le più grandi imprenditrici

Il contest GammaDonna, torna negli schermi di QVC, promuovendo le migliori imprenditrici e la loro tenacia
0
470

Il premio GammaDonna sceglie di mostrare la tenacia e la determinazione di queste donne, che hanno fatto del loro lavoro una realtà solida ed efficace.

Chi volesse partecipare, può iscriversi sino al 16 Luglio. Possono candidarsi tutte le imprenditrici che sono riuscite ad innovare tramite prodotti e servizi la loro realtà lavorativa, entro il 1 Gennaio 2019.

Questa iniziativa nasce in primis per valorizzare la figura della donna nell’ambito dell’imprenditoria, eliminando il gender gap in campo socio economico.

Una storia, quella di GammaDonna, che si racconta ormai da 15 anni, e che quest’anno offre a queste figure, la possibilità di raccontare in tv la loro storia.

I Premi 

Il Premio e il Giuliana Bertin Communication Award vedono la collaborazione con il Woman Startup powered by Intesa SanPaolo, e la Menzione Speciale per lo sviluppo sostenibile della Commissione Europea.

Come premio finale del Contest, l’imprenditrice otterrà uno “speciale” che andrà poi in onda in prime tv sui social di QVC Italia e di GammaDonna, e sui canali televisivi di 32 del digitale terreste e 475 di Sky.

Oltre a questo: un mini-documentario sulla storia di innovazione imprenditoriale; interviste e uscite sui principali media nazionali; la partecipazione al talk-show di empowerment femminile QVC After Show; un master della 24ORE Business School; 6 mesi di Business Membership in PoliHub – Innovation District & Startup Accelerator di Politecnico Milano; un training per partecipare al processo di screening del Comitato di Angels4Women per accedere a un investimento tra i 100 e i 500K.

Un modo per far conoscere i progetti che queste donne hanno creato con le loro mani e le loro menti. Far aprire gli occhi al pubblico e ricordare che nessuna deve fermarsi di fronte ai limiti della nostra società. Le donne, come tutti, sono in grado di essere fonti inesauribili di risorse.

a cura di Elisa Guazzini