Il Digital Media Fest verso l’evoluzione digitale

Conclusa domenica 12 dicembre la terza edizione del Digital Media Fest, il primo festival internazionale dedicato all’evoluzione digitale a 360°, ideato dalla giornalista Janet De Nardis.
0
349

Il Digital Media Fest è il più grande evento di sperimentazione e innovazione dell’audiovisivo webnativo. Infatti, si tratta di un vero e proprio collegamento tra il mercato cinematografico tradizionale e nuovi autori che utilizzano il web come canale distributivo.

Gemellato con i webfest di oltre 20 paesi, l’evento del Digital Media Fest porta in esclusiva prodotti, creativi e idee capaci di influenzare positivamente il mercato italiano.

Digital Media Fest
Il contest è patrocinato dal MIC, dal Parlamento Europeo e da Roma Lazio Film Commission.

Durante il corso delle tre giornate si sono susseguiti ospiti internazionali, incontri culturali e workshop formativi, proiezioni, panel e anteprime. Madrina e Padrino per questa edizione, inoltre, sono stati Elena Sofia Ricci e Andrea Roncato.

Il Digital Media Fest torna dal vivo

Dopo l’esperienza online della seconda edizione, l’evento è tornato dal vivo e si è svolto all’interno di Villa Borghese nella location della Casa del Cinema. Il programma, rispetto alle passate edizioni, è stato ancora più ricco di novità. Sono stati presentati, infatti, prodotti innovativi di realtà virtuale e aumentata e nuove partnership con importanti aziende del settore.

Il Digital Media Fest si conferma anche quest’anno un punto di riferimento sia per giovani talenti che per produttori di prodotti innovativi e creativi. Un Festival internazionale annuale che favorisce il contatto tra filmmakers, produzioni cinematografiche, distribuzioni tradizionali e piattaforme online. E, ancora, tra aziende e istituzioni.

Tutti uniti nel veicolare messaggi attraverso nuovi linguaggi.

Prodotti audiovisivi e moda: all’insegna del rilancio dei settori in post pandemia

La pandemia ha cambiato le abitudini di consumo dei film, che sono diventati lo strumento principale di intrattenimento per miliardi di persone costrette a casa.

Il modo di veicolare messaggi, infatti, è cambiato in tutti i settori. E anche la moda ha modificato il suo modo di comunicare, ad esempio attraverso le sfilate trasmesse in streaming!

Questo l’argomento centrale dell’incontro: “La moda e l’accelerazione digitale”. A moderarlo la giornalista e docente universitaria Giulia Rossi con gli interventi di esperti del settore quali Luigi Gentili, Elisabetta Rotolo, Giusy Bettoni e Federica Barsetti.

“Le nuove piattaforme e la video strategy” e il “6 1 Mito

Il progetto “6 1 Mito” è stato capace di trasportare il pubblico nel mondo della realtà aumentata e avvicinarlo all’arte attraverso le mappe di Google. Infatti, bastava inquadrare un codice QR tra gli edifici di viale Civiltà del Lavoro per scoprire immagini di una narrazione antica.

Durante il workshop “Le nuove piattaforme e la video strategy”, invece, sono emerse le nuove strategie di comunicazione sul web e si è parlato di come queste possono essere sfruttate per fidelizzare il proprio pubblico.

A intervenire, poi, anche alcuni creator che lavorano ogni giorno sul web e che adottano le nuove strategie digitali per realizzare video di successo.

Alina Person de i The Coniugi ha spiegato non solo come comportarsi nella vita di coppia, ma anche come creare una strategia vincente sui social. 

Infine, hanno partecipato all’evento Angelica Massera, personaggio poliedrico e divertente che spazia dal mondo della recitazione a quello dei social, e The CereBros, trio comico che si definisce “Radical Pop” e che fa della comicità ricercata e intelligente.

I premi assegnati al Digital Media Fest

Oltre 300 le opere che si sono iscritte al concorso. Tra queste, circa 60 le finaliste. La serata di premiazione, condotta da Sofia Bruscoli e Savino Zaba, ha visto vincere diversi premi nelle seguenti categorie:

  • PREMIO MOVIELAND: al cortometraggio Capolinea di 2.000,00 Euro; 
  • MENZIONE SPECIALE MOVIELAND: al cortometraggio S.P.Q.R  di 1.000,00 Euro. Entrambi offerti da Roma Lazio Film Commission.
BEST PILOT: “Deathmate” – Accesso diretto ai pitch 2022 del DMF

Categoria Cortometraggi

  • BEST SHORT MOVIE: “LOST HEROES” – Premio Panalight – 5.000 Euro in attrezzature;
  • DIGITAL MEDIA FEST AWARDS: “12 O’ CLOCK”;
  • “LOST HEROES” BEST DIRECTOR;
  • “NON HO CHE TE IN QUESTO MOMENTO”: BEST ORIGINAL IDEA;
  • “LA CONFESSIONE”: BEST CINEMATOGRAPHY;
  • “MONSIEUR QUICONQUE”: BEST SCREENPLAY – Premio Stadion video – sottotitoli in inglese con relativo DCP;
  • “SACRIFICIO DISUMANO”: Best social oriented movie;
  • BEST ACTOR: LUCA DI GIOVANNI – “LA VOCE”- Premio RAI CINEMA CHANNEL –  3.000,00 Euro in diritti;
  • FULVIA PATRIZI OLIVIERI – “LA MACCHIA” BEST ACTRESS – Premio You Movie – distribuzione festivaliera e promozione attraverso la piattaforma Youmovie;
  • PIETRO DE SILVA – “EXISTERE”: BEST SUPPORTING ACTOR;
  • ANNA MARIA DE LUCA – “RUTUNN”: BEST SUPPORTING ACTRESS;
  • “CLORO” – BEST SOUNDTRACK: Premio Panalight – 5.000 Euro in attrezzature.
PREMIO MOVIELAND: cortometraggio Capolinea

Categoria Webserie

BEST ITALIAN WEB SERIE: “HOW TO” – Premio Backlight Digital – post produzione del valore commerciale di 3.000,00 Euro. Mentre “MILITIA” ha vinto come Best Internationl Webserie – Premio Stadion Video – sottotitoli in inglese con relativo DCP.

  • “OTHERSIDE” Best Director;
  • “THERE IS NO “I” IN ISLAND”, Best Original Idea;
  • “GOOD MONSTER”, Best Screenplay;
  • “ZERO DAY”, Best Cinematography;
  • “FELIX MAUDE AND THE END OF THE WORLD”, Best Drama;
  • “TOTO’ E DAIANA” – Best Comedy – story. Premio Radio RID 96.8 – comunicazione e promozione radio e sala di registrazione per l’incisione;
  • “HOW TO”, Best Comedy – Sketch;
  • “ZURE TXANDA DA”, Best Soundtrack;
  • “OTHERSIDE”, Best Costume Design;
  • TARA HEATHARIA – “HEAT”, Best Actress;
  • MIGUEL A. OSTROWSKI – “MILITIA”, Best Actor;
  • ZORA THIESSEN – “MILITIA” Best Supporting Actress;
  • PHILIPPE A. LARRUE ST.  JACQUES – “THEODORE WITHOUT THE H”, Best Supporting Actor;
  • MICHAEL AJAKWE AWARD (menzione speciale): “SHAKESPEARE REPUBLIC”;
  • BEST IRONIC video – “PROUD TO HAVE A WHITE FRIEND”;

  • BEST SPY IDEA: “Detective Robles”.

Categoria Virtual Reality:

  • “Once Upon a Story: The Boy’s Triple Dream”, BEST VIRTUAL REALITY;
  • “In the Land of Flabby Schnook”, BEST ORIGINAL IDEA;
  • “Nikola Tesla”, BEST CINEMATIC CONCEP. Inoltre questo progetto è finalista di diritto al Seoul WebFest. 

Categorie Pilot, Vertical Video e School Video

  • “Deathmate” – Accesso diretto ai pitch 2022 del DMF, Best Pilot;
  • “Detective Robles”, Best Spy Idea;
  • “Reverse”, Best Vertical Video;
  • “La soluzione è nel Cielo”, Best School Video.
BEST SCHOOL VIDEO: “La soluzione è nel Cielo”

Categoria Fashion Film

  • “HYMN TO NOSENSE” Best Fashion Filmpromozione su Fashion Channel, proiezione in una delle giornate dell’Altaroma a Febbraio 2022 e promozione su Lei Style;
  • “THE MOVEMENT” premiato come Best Original Idea – promozione su Fashion Channel e proiezione in una delle giornate dell’Altaroma a Febbraio 2022;
  • “MIJO” – Best Foreign Fashion Film, promozione su Fashion Channel;
  • “THE FOSTER SISTER” – Best Director, promozione su Fashion Channel;
  • “KEEP MOVING” – Best Cinematography promozione su Fashion Channel;
  • CIELO” – Best Soundtrack, promozione su Fashion Channel;
  • “HYMN TO NOSENSE” – Best Styking, promozione su Fashion Channel.
“LOST HEROES” best short movie : Premio Panalight – 5.000 Euro in attrezzature

Gli altri premi

La webserie “MILITIA”, poi, è finalista di diritto nella categoria digital series ai TULIPANI DI SETA NERA. Il cortometraggio “RUTUNN’”, invece, arriva in finale con diritto al CROFFI. 

La Webserie “HOW TO” è finalista di diritto nei webfest di: Die Seriale, Montreal Digital WebFest, Bilbao Web Fest, Miami Web Fest, Webserie Festival Global.

La webserie “TOTO E DAIANA” è finalista di diritto al Toronto Web Fest e al Rio WebFest.

Vi è, poi, la webserie “DIFFERENZE GENERAZIONALI”, finalista di diritto al Bogotà WebFest. 

Infine, la webserie “OTHERSIDE” è finalista di diritto al Miami WebFest e al Lima WebFest, mentre la puntata pilota DEATHMATE è finalista di diritto al Marseille WebFest e al British Web Award.