Giffoni Film Festival: Be different

0
1498

Giffoni Film Festival Be different

Di Valentina Senese

Giffoni Film Festival: Be different.

“Be different” è il tema della 44ima edizione del Giffoni Film Festival.

E’ uno degli eventi più attesi dell’anno da bambini e ragazzi di tutto il mondo, ma anche dai più cresciuti. Il Giffoni Film Festival torna puntuale con la sua 44ima edizione dal 18 al 27 luglio. Ogni anno c’è un tema centrale, attorno al quale ruotano tutti gli eventi e le attività proposte dal Festival. Quest’anno il tema è Be different.


Nato da un’idea del giovanissimo Claudio Gubitosi nel 1971, il Festival, che aveva ed ha come fine quello di promuovere il cinema per ragazzi, nel corso degli anni è cresciuto sempre più, diventando un punto di riferimento non solo in Italia, ma in tutto il mondo. Protagonisti sono quindi i ragazzi divisi in fasce d’età (dai 3 anni in su) che nel corso delle giornate del Festival vivranno esperienze uniche e indimenticabili, non solo guardando cortometraggi e lungometraggi adatti alla loro età, che poi dovranno votare, ma anche attraverso molteplici attività pensate apposta per loro. Ma il Festival è anche un momento di integrazione tra culture differenti: ragazzi da tutto il mondo partecipano all’evento grazie all’ospitalità offerta dalle famiglie più vicine alla città di Giffoni Valle Piana, dove ha luogo il Festival.
Se pensate che questa meravigliosa realtà si svolga esclusivamente durante le giornate di luglio, vi sbagliate di grosso! Lo staff di Giffoni, infatti, è operativo tutto l’anno e in tutto il mondo con numerose attività e partnership, sempre attento alle esigenze dei più giovani. Molteplici collaborazioni con vari paesi, quali Qatar, Brasile, Macedonia, Turchia e tanti altri, hanno permesso, dopo aver portato il mondo a Giffoni, di portare Giffoni nel mondo.
Durante le giornate del Festival è data ai giurati l’opportunità di incontrare le celebrità del cinema e della televisione, che condivideranno con loro momenti importanti, utili a far crescere nei ragazzi la curiosità e un forte spirito critico. Molte testimonianze positive arrivano anche dai genitori, che vedono nel Festival un a importante occasione di crescita per i loro ragazzi. La sera, invece, è il momento dedicato alla musica e i ragazzi si sbizzarriscono sulle note degli ultimi successi del panorama italiano, ma a volte anche di quello internazionale.
Parole chiave sono quindi diffusione (in tutta Italia e nel mondo) e condivisione. Condivisione perché i ragazzi attraverso i social network partecipano attivamente al processo creativo e gli artisti ospiti condividono le loro esperienze.
Durante le giornate del Festival, ai più piccoli sono dedicati vari workshop con attività manuali e creative, incrementate nel corso della prossima edizione, da attività legate al mondo della tecnologia. Dal 2011 il GFF si è unito alla Com2, che dal 2006 svolge corsi di Alta Formazione per utenti di tutta Italia, per dare vita a corsi di formazione accreditata, tra i quali Event Specialist, Regia e sceneggiatura e Addetto stampa.
Molto importante sarà anche la Masterclass, dedicata ai giurati che si sono distinti negli anni precedenti, ma da quest’anno aperta anche ad esterni che verranno poi selezionati. Requisito fondamentale: età compresa tra i 18 e i 25 anni. Masterclass dà l’opportunità di costruirsi il proprio futuro grazie a corsi super qualificati in Sceneggiatura, Recitazione, Stop Motion e Giornalismo. Un’occazione da non perdere! Per tutte le info clicca qui.
Proprio perché Giffoni ha sempre a cuore la crescita e la formazione di giovani talenti, è stata data quest’anno la possibilità attraverso un contest (per giovani motivati, ambiziosi, creativi e laureati, di età compresa tra i 24 e i 28 anni) di essere il Direttore Artistico del Festival per una settimana.
Alla vigilia del Festival avrà luogo la Maratona di film, scelta dai ragazzi sulla pagina Facebook: la più votata tra le varie proposte è stata quella degli eroi. I giurati, e non solo loro, potranno godersi una notte nel mondo fantastico della Marvel.
Il tema, quindi, è la diversità, “ perché essere diverso è l’unica via per cambiare il mondo intorno a te, per creare, per inseguire il futuro e farlo proprio, per cercare la propria strada senza temere lo scandalo o l’essere un MONSTRUM, ovvero un oggetto di stupore, di meraviglia, l’essenza stessa di ciò che è grande, meraviglioso e spaventoso, proprio per il suo essere diverso. Non c’è grandezza senza differenza.”.
Proprio in relazione al tema, quest’anno saranno mostrati 5 film su 5 geni diversi; sarà, inoltre, dedicata una rassegna ai 25 anni dalla caduta del muro di Berlino, per indagare quli sono le differenze “crollate” con il muro. Interessante sarà anche la retrospettiva dedicata a Charlie Chaplin, il regista cantore dei monelli, dei diseredati e dei diversi.
La partecipazione al Festival è un’occasione a cui è impossibile rinunciare. Parola di ex giurata e di ex stagista!