Al via MITO SettembreMusica

0
1464

BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer(FNM)

Di Ivano Rocco Montrone

Al via MITO SettembreMusica

Festival musicale dal 4 al 21 settembre a Milano e Torino.

È partito ieri il festival MITO SettembreMusica che coinvolge due grandi città: Milano e Torino. Diciotto giorni di musica con 182 appuntamenti e 2191 artisti coinvolti in 94 sedi tra le due città.

Questi sono i numeri della ottava edizione di MITO Settembre Musica che ha preso il via giovedì 4 settembre al Teatro Regio di Torino e oggi venerdì 5 al Teatro alla Scala di Milano.

Il Festival inaugura con una delle migliori orchestre mitteleuropee, la Budapest Festival Orchestra diretta da Iván Fischer, con due programmi differenti: a Torino tre Danze Ungheresi di Johannes Brahms, l’Incompiuta di Schubert, Lieder di Mahler e alcuni valzer di Strauss; a Milano, dedicate a Claudio Abbado, la Terza e la Quarta Sinfonia di Brahms.

Innumerevoli gli appuntamenti da non perdere nei primi giorni del Festival:

A Milano sabato 6 alle 17, si apre il ciclo di concerti “La Grande Guerra” con la Fanfara delle Brigata Alpina Taurinense che eseguirà le musiche e i canti dell’epoca, alternati da una serie di letture tratte da testi di Ungaretti, Gadda e di lettere dal fronte. Alle ore 21 al Teatro Dal Verme l’Orchestra I Pomeriggi Musicali con Sunao Goko eseguirà il Concerto per violino e orchestra di Brahms, che fu eseguito nel 1879 da Joachim, con un violino Stradivari che prese il suo nome. Il pubblico del Festival potrà ascoltare il Concerto eseguito con lo stesso Stradivari Joachim-Ma 1714; dalle ore 22.00 le sale del PAC Padiglione d’Arte Contemporanea si trasformeranno in una scena del crimine quasi perfetta per una serata a cavallo tra lirica, arte ed estetica avente per tema il crimine. Dopo la visita guidata alla mostra “Il delitto quasi perfetto” a cura di Cristina Ricupero, Claudio Simonetti’s Goblin suoneranno per il pubblico del Festival le musiche tratte da L’alba dei morti viventi, Zombi, Suspiria, Tenebre, Phenomena, Profondo Rosso e tanto altro; domenica 7 settembre, nella Basilica di San Marco di Milano, sarà eseguita la Missa Brevis in fa maggiore K192 di Wolfgang Amadeus Mozart, con i Ghislieri Choir & Consort diretti da Giulio Prandi; alle ore 17.00 presso l’Auditorium San Fedele i pianisti Bruno Canino e Antonio Ballista con il soprano Lorna Windsor saranno protagonisti di un concerto che ricorda il primo conflitto mondiale attraverso le musiche di Alfredo Casella, Maurice Ravel e Claude Debussy; alle 21.00 in Conservatorio le musiche di Webern, Brahms e R. Strauss con gli archi del Quartetto di Cremona, mentre alle 22.00 il Circolo Magnolia ospiterà per la prima volta a Milano Perfume Genius, controverso cantautore di Seattle, già accostato a icone come Cat Power, Bon Iver e Thom Yorke. Lunedì 8 settembre musica barocca, al pomeriggio un Viaggio nel Seicento alla Basilica di San Calimero: in duo il soprano Roberta Mameli e Diego Cantalupi all’arciliuto. Alla sera, alla Basilica di Santa Maria delle Grazie esecuzione in forma di concerto di Dido and Aeneas di Purcell: Didone è Anna Caterina Antonacci, Enea sarà la voce di Laura Polverelli; alle ore 21.30 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano, in occasione della grande mostra “The Pink Floyd Exhibition – Their Mortal Remains” che celebra i quarant’anni dall’uscita del celebre album e inaugura in anteprima mondiale a Milano presso la Fabbrica del Vapore, MITO propone un incontro con i critici Gino Castaldo e Ernesto Assante per approfondire l’epopea straordinaria di una delle band che tra genio e sregolatezza ha cambiato la storia del rock.

A Torino, venerdì 5 al Teatro Regio, il Concerto per violino e orchestra di Beethoven, seguito da una serenata e tre danze ungheresi di Brahms, con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali diretta da Sergio Alapont, al violino Sunao Goko. Sabato 6 due alternative di ascolto serale: Schubert e le Metamorfosi di Richard Strauss al Teatro Carignano  con il Quartetto di Cremona o, al Teatro Colosseo, la tradizione musicale irlandese  con i Masters of Traditions, gruppo che raccoglie alcuni tra i più grandi musicisti dell’isola verde; si esibiranno in solo e collettivamente. Domenica 7, all’Auditorium del Lingotto, lo Schiaccianoci di Cajkovskij e Petruska di Stravinsky con l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo diretta da Yuri Temirkanov, capolavori di musica russa eseguiti come meglio non si potrebbe. Sempre domenica 7 inzio del focus “La Grande Guerra”, con la Fanfara della Brigata Taurinense in un programma. dal titolo “Ta-pum” di musiche e letture tratte da Saba, Ungaretti, Gadda, Comisso, intorno al primo conflitto mondiale; il focus proseguirà lunedì 8 al Teatro Carignano con un recital di Lorna Windor e dei pianisti Antonio Ballista e Bruno Canino che spazierà da Debussy a Ravel, da Casella a Stravinsky, e con l’inizio di una rassegna cinematografica di film antimilitaristi (La grande illusione, Orizzonti di gloria, All’ovest niente di nuovo…) realizzata in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. E ancora, nelle prime giornate: “Del tango e di Piazzolla” con il Sestetto Renacero, jazz, soul e gospel con il quintetto di Denise King, il Bach organistico di Emanuele Vianelli, il Clarivoces Ensemble del Teatro Regio con musiche di Ellington e Corea, di Copland e Musorgskij, la Messa in sol maggiore per soli, coro e orchestra e altre composizioni bachiane con l’Academia Montis Regalis e il Coro Maghini diretti da Alessandro De Marchi, il Settimino di Beethoven con i Solisti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e, infine, sabato 6 e  domenica 7, gli spettacoli per bambini “La febbre dell’oro”, omaggio a Charlie Chaplin per teatro d’ombre e attori, e “Canzoncine alte così” con Silvano Antonelli e i suoi pupazzi meccanici. Tutti i palati avranno soddisfazione.

Il programma completo è consultabile su www.mitosettembremusica.it

Circuito viva ticket – www.vivaticket.it

Arte-Cultura