Quando gli street artist dialogano con Dalì…

0
1541

Dalì fait le mur_FNM

Di Isabella Tamponi

DALÌ FAIT LE MUR

Le opere di Salvador Dalì incontrano la street art.

Giovedì 11 settembre 2014, Parigi si è colorata e ha preso la forma di un’immensa opera d’arte. All’ Espace Dalì, nel cuore del quartiere Montmarte, il centro della vita bohémienne durante la Belle Èpoque, ha preso vita una nuova sfida nell’arte contemporanea: ventidue street artist hanno dialogato con le opere di Salvador Dalì.

1974 – Granollers, Spagna. Dalí fa un happening per le strade di questo piccolo villaggio catalano, munito di 8 tubi flessibili collegati a barili dai colori vivaci. Nello stesso anno a Stokes (UK) Banksy, street artist contemporaneo (meglio definito “poeta contestatario di strada”) nasce. 1983 – Pubol, Spagna. Dalì dipinge “La coda di rondine”, il suo ultimo dipinto. A Parigi (Francia) Jérôme Mesnager marchia con le sue prime “traces-epreints” le pareti della capitale. Olivier Rizzo inizia a dipingere sotto il nome Speedy Graphito. 2014 – Parigi, Francia. Dalì fait le mur.

Aldilà del processo artistico, ciò che unisce questi artisti è il modo di svelare il mondo: provocatorio, iconoclasta e selvaggio. Come Dalí, gli autori della street art non si impongono alcun limite per le loro fonti di ispirazione, i materiali utilizzati, i loro supporti e le loro richieste. Per questo hanno deciso di cogliere la sfida e di dialogare con le opere esposte all’ Espace Dalí.

Akiza, Artiste Ouvrier, Fred Calmets, Codex Urbanus, Hadrien Durand-Baïssas, Jadikan, Jérôme Mesnager, Les King’s Queer, Kool Koor, Kouka, Levalet, Thomas Mainardi, Manser, Nikodem, Nowart, Paella, Pioc PPC, Sack, Speedy Graphito, Valeria Attinelli, Zokatos.

Ogni artista ha creato un’opera che osa mettere a confronto l’universo surrealista al vocabolario e ai codici della street art: pittura, stencil, disegno, luce, suono, installazione.

Ce sont aussi ces artistes urbains qui, forts de cette intimité surréaliste avec le Maître, ont été amenés à sortir de leurs réflexions quotidiennes, à s’approprier des techniques nouvelles les poussant à l’introspection. Point commun entre eux: l’admiration du talent de ce peintre immense, même si parfois le personnage les rebutait au premier abord! [Véronique Mesnager, esperta di Street Art e Curatrice della mostra]

L’esposizione di queste surreali opere, uniche nel loro genere, sarà aperta al pubblico dal 11 settembre 2014 al 15 marzo 2015.

[ScrollGallery id=1284]