Balkan Party

0
583

La galleria MAC Maja Arte Contemporanea ospita il Balkan Party e accoglie per la prima volta a Roma gli artisti Aleksandar Dimitrijevic, Marija Sevic e Tadija Janicic.

Curata da Katarina Srnic e dalla gallerista Daina Maja Titonel, Balkan Party mette in mostra dieci opere, sei delle quali di grande formato, che costituiscono un compendio dell’indagine artistica compiuta dai tre talenti di origine balcanica.

Aleksandar Dimitrijevic, artista serbo, ha esposto in varie città nel mondo e ricevuto numerosi premi e riconoscimenti. Le sue opere sono connotate da note e segni legittimati nella pratica artistica come disegni astratti, come una varietà di modelli figurativi ricollegabili alla volontà di Dimitrijevic di investigare fenomeni quali “la trivialità” della vita contemporanea e la complessità delle attuali relazioni interpersonali.

Marija Sevic, pittrice serba, allieva dei Professori Claude Closky e James Rielly, membro di U10, galleria d’arte di Belgrado gestita da artisti del luogo con lo scopo dichiarato di promuovere e far conoscere la produzione locale. Sevic espone alcuni dipinti della collezione Party, sua ultima fatica. La sua ricerca pittorica parte da scatti fotografici, che isolano momenti di vita, e termina con i disegni dei personaggi fotografati, ritratti con il volto spesso sfocato ma con i contorni ben marcati su sfondi incontaminati.

Tadija Janicic, pittrice montenegrina, allieva dell’Accademia di Belle Arti di Novi Sad, dove svolge un’intensa attività artistica identificabile per le figure coloratissime e simili a cartoni animati connotative delle sue opere. Iconografie utilizzate dalla Janicic per esplorare l’aspetto grottesco e paradossale delle norme sociali, etiche e artistiche del mondo contemporaneo.

Inaugurata il 15 Giugno e fruibile fino al 29 Luglio, la mostra Balkan Party accoglie tre artisti che, seppur con stili molto differenti, affrontano la loro ricerca condividendo strade che incrociano il figurativo e l’astratto, le atmosfere intimistiche e la visione/rappresentazione satirica dell’uomo contemporaneo.