Sfilata Tributo a Renato Balestra.

Una sfilata che racconta il lavoro di Renato Balestra che ha sempre alimentato il prestigio dell’Alta Moda Italiana.
0
55

Si è tenuta ieri sera, 28 Giugno, fra i sontuosi e maestosi palazzi del set Antica Roma di Cinecittà e sotto un cielo piovigginoso, che ha contribuito a rendere ancora più magica la serata, la sfilata tributo a Renato Balestra, ormai unico couturier italiano.

Una sfilata che ha voluto cosi celebrare la carriera di Renato Balestra che con i suoi abiti eleganti e privi di compromessi ha saputo conquistare il cuore delle donne, garantendogli cosi un posto nell’Olimpo dei Maestri dell’Alta Moda.

Una carriera, quella del couturier, costellata da grandi successi che hanno contribuito a rendere grande ed eterno il nome di Renato Balestra e dello stile italiano in Italia, ma soprattutto all’estero fra principesse e star del cinema mondiale. Quell’estero che più volte ha tentato di “rubarci” il Maestro, il quale, però, non ha mai ceduto a tale seduzione ed è rimasto sempre, e da sempre, fedele alla sua cara Roma, che ha saputo osservare e gelosamente custodire la carriera dello stilista. La sfilata si è aperta con il primo modello disegnato e presentato con il nome Balestra, nel colore che sarebbe poi diventato l’intramontabile ed iconico “blu Balestra”. Sfilano, poi, una carrellata di capi iconici e senza tempo, che hanno segnato la storia della maison. La sfilata si conclude con un abito da gran sera dedicato a Roma.

Questa sfilata tributo non rappresenta un saluto a Renato Balestra ma la volontà di raccontare una preziosa storia, quella di un artista ma anche quella dell’imprenditoria familiare che ha affrontato la crisi dell’Alta Moda, ma nonostante ciò non si è mai arresa: lavorando e viaggiando ha, infatti, aperto nuovi mercati e nuovi interessi per il Made in Italy. Una sfilata omaggio fortemente voluta dal presidente di Alta Roma Silvia Venturini Fendi, che, come dichiarato da lei stessa, è un atto importante legato a quello, altrettanto significativo, della Soprintendenza archivistica e bibliografica del Lazio. Infatti, come anticipato dalla sottosegretaria del Ministero MiBACT, Monica Grossi, proprio in questi giorni si sta avviando l’iter conoscitivo dell’archivio Renato Balestra, al fine di dichiararlo bene di “interesse storico particolarmente importante”.