Bellezza della pelle e inquinamento. I trucchi per proteggerla

Gulietta Fargnoli, make-up artist ed esperta di bellezza, condivide i segreti del mestiere, per mantenere la pelle giovane e bella
0
510

L’inquinamento dell’aria è nocivo per la nostra salute, può provocare disturbi al sistema respiratorio, ma anche compromettere la bellezza della pelle.

Bere molta acqua e seguire un’alimentazione sana ed equilibrata è indispensabile per avere un bel colorito roseo, eppure, a volte capita che la pelle appaia ugualmente spenta.

Uno dei principali colpevoli è lo smognemico giurato della bellezza della pelle, l’organo più esteso del corpo umano, ma anche quello più esposto agli attacchi esterni. Le particelle inquinanti possono risultare molto aggressive per l’epidermide, causando in alcuni casi ad una eccessiva produzione di sebo, in altri secchezza

Giulietta Fargnoli, make-up artist ed esperta di bellezza della pelle

Bellezza della pelle: difendersi dagli agenti esterni

Fermo restando che in caso di patologie o disturbi seri è sempre bene rivolgersi ad un dermatologo, ci sono alcuni piccoli trucchi che dovremmo introdurre nella nostra skin care quotidiana. 

Secondo Giulietta Fargnoli, make-up artist ed esperta di bellezza della pelle, le due cose più importanti sono la detersione e l’idratazione, che devono essere fatte a regola d’arte e ripetute mattina e sera.

“Molte donne si dedicano alla skin care serale solo se sono truccate, pensando che l’unica funzione di questo gesto sia la rimozione del make-up. Niente di più errato! – Spiega l’esperta – Lavando il viso la sera, portiamo via tutte le particelle nocive presenti nell’aria, che si sono depositate sul nostro viso, ma anche polveri e polline. Per lo stesso principio, nei mesi in cui abbiamo le braccia o le gambe scoperte, sarebbe bene detergere tutto il corpo anche la sera. Attenzione a non usare acqua troppo calda, soprattutto sul viso, perché le temperature troppo alte sono nemiche della pelle!”.

Anche se in inverno l’idea di buttarci sotto un getto d’acqua bollente sembra allettante, la nostra pelle la pensa diversamente. Un eccessivo calore, soprattutto sul viso, può peggiorare la couperose, portare a secchezza e causare la dilatazione dei capillari, che, in chi è già predisposto, potrebbero anche rompersi.

Per preservare la bellezza della pelle e mantenere un aspetto giovane, la detersione del viso deve essere delicata, utilizzando prodotti specifici e facendo dei movimenti circolari con i polpastrelli, così da riattivare il microcircolo.  

Bellezza della pelle e ambiente: etica e beauty dovrebbero andare a braccetto

Per il corpo, invece, scegliete una spugna in fibra naturale delicata, da selezionare in base alle esigenze della pelle. Chi ha la pelle grassa, ad esempio, può optare per quelle in carbone. Ottime anche quelle di mare o di bambù. Per struccare il viso sono perfette le spugnette riutilizzabili, decisamente più ecologiche dei dischetti usa e getta, da passare solo sugli occhi, per togliere mascara, matita ed eyeliner, solitamente più resistenti. Per il resto del viso andranno benissimo le mani, sia per struccare, sia per applicare il tonico, come fosse un dopobarba (ne esistono degli ottimi anche in versione spray).

Anche quando ci prendiamo cura della bellezza della pelle, o ci concentriamo sul make-up, dobbiamo sempre avere un pensiero rivolto all’ambiente.

Ricordate che, qualsiasi cosa usiate per la vostra pelle, finisce nelle acque e nell’ambiente. Meglio, quindi, utilizzare prodotti sostenibili, che contengano ingredienti naturali e a basso impatto ambientale. – Prosegue Giulietta Fargnoli – Molti prodotti possono essere creati anche a casa. Ad esempio, lo scrub, che andrebbe fatto almeno un paio di volte al mese. Potete realizzarne uno usando un olio a vostra scelta (oliva, mandorle, jojoba, avocado…) e dei granelli di zucchero di canna o sale grosso, ma anche i fondi del caffè, per un’esfoliazione più soft.”