Il piumino si indossa così! Un inverno cozy da Milano Fashion Week

Tutti i trend della moda donna dalle ultime passerelle di Milano Fashion Week per le prossime stagioni fredde
0
453

Armani e Biagiotti sfilano a porte chiuse con il live in diretta streaming, la Milano Fashion Week ai tempi del Coronavirus preannuncia un inverno 2020/2021 all’insegna di stampe floreali, tartan, l’intramontabile blazer, total black o arancio ed  un tocco di celeste.

Winter Garden

Chi l’ha detto che le flower prints possono essere indossate solo nei mesi caldi? Il giardino d’inverno ha sempre il suo fascino e riesce a creare intorno a sé quell’alone di mistero tipico di grandi opere letterarie e pittoriche, soprattutto se le nuances sono calde ed intense o romantiche pastello. Per la Milano Fashion Week di Giorgio Armani fantasie floreali ricoprono gli abiti con tonalità glicine e grigio, sulla passerella di Laura Biagiotti si sfila in total flowers compreso il cappello da abbinare all’abito a balze o al tailleur ricoperto da fiori romantic style. Sotto la lente di ingrandimento per Ports 1961 dove grandi rose rosse emergono dallo sfondo bianco del long dress.

Tartan & Check

Imponente ritorno del tartan e del quadrettato , stando alle sfilate dell’ultima giornata di Milano Fashion Week, sembrano essere questi i must have da tenere assolutamente nell’armadio per l’autunno inverno 2020/2021. Da Ports 1961 l’effetto quadrettato è dato dal pied de poule bianco e nero sul cappotto ampio che avvolge l’intera figura come un mantello. Per Simona Marziali i tailleur a quadri di varie dimensioni sono destrutturati e lineari sulle tonalità del grigio. Vìen fa del tartan e quadrettato il punto cardine su cui ruota l’intera collezione, dagli abiti ai soprabiti al copricapo, due le colorazioni previste, più fredda sulle varianti del grigio e più calda nelle nuances di marroni e beige. Pied de poule anche per Laura Biagiotti sui completi gonna, giacca, gilet e berretto.

Total Black & Total Orange

Due tonalità che si sono imposte nelle passerelle dell’ultima giornata della moda donna proponendosi in versione total look. Uno esprime classe e raffinatezza, l’altro è simbolo di grande energia e vitalità, o tutto nero o tutto arancione insomma, non ci sono vie di mezzo, che si opti per il colore dell’eleganza per eccellenza o per quello super vitaminico la scelta sarà comunque azzeccata. Laura Biagiotti presenta un aranciato chiaro quasi scolorito e sfumato sul completo crochet oppure come sfondo più scuro del completo pantalone e giacca con piccoli fiori bianchi. Boss invece fa sfilare una tonalità più intensa e calda da abbinare a marroni e beige e lo propone su sciarpe, borse e sul cappotto dal collo ampio. Il nero è in versione leather per stivali e abito annodato in vita di Drome, glamour e di classe quello di abiti e velluti di Giorgio Armani

Il Piumino

Per proteggersi dal freddo dei lunghi mesi invernali non c’è niente di meglio che il comfort di un caldo piumino.  Il brand  Fila lo rivisita in versione meno sporty e più glamour con il modello a mantella con chiusura a fibbie e logo impunturato e il modello scuro con maniche corte a sbuffo. Rosso fuoco molto abbombato sulla passerella di Vìen, lungo e multicolor per Biagiotti.

Giacche

La giacca esordisce  come grande protagonista per la prossima stagione fredda, proposta in tutte le lunghezze e dimensioni. Nella giornata di domenica hanno sfilato due tipologie, il blazer lungo, sartoriale, dal taglio maschile e lineare con bottoni in vista come quella di Biagiotti o quella lillà con bottoni a scomparsa di  Boss. La versione più corta avvitata e più strutturata, doppiopetto con bottoni neri a contrasto sulla passerella di Armani e quella maschile tagliata in vita sulle tonalità neutre per Drome

A Touch of Light Blue

Non si è imposto ma è comunque presente, basta un accenno, un dettaglio, presentato in maniera sussurrata il tocco di celeste nel prossimo inverno servirà a ricordarci delle tonalità limpide e schiette del cielo d’estate. Sulla passerella di Ports 1961 è da sfondo all’immagine della Geisha sull’abito lineare dai forti richiami all’oriente. Il grande plissè bianco e nero della gonna di Simona Marziali che ricorda i tasti di un pianoforte viene interrotto da note turquoise. Da Giorgio Armani un tocco di azzurro ceruleo del pantalone esce sotto il cappotto grigio abottonato oppure riempie alcuni petali dei fiori di giacche e pantaloni, per quanto riguarda Drome l’azzurro polvere è il colore per i lunghi trench a doppiopetto.

Photo Credit Camera Moda