Cosa mettere nel carrello della spesa: settembre edition

Fare la spesa è una vera e propria arte. Per questo è fondamentale conoscere quali sono gli alimenti di stagione e cosa è meglio acquistare, per il nostro benessere e per quello dell’ambiente.
0
143

Fare la spesa per alcuni è un vero e proprio incubo mentre per altri è un passatempo irrinunciabile. Qualsiasi sia la vostra fazione, è importante conoscere quelli che sono i frutti e gli ortaggi di stagione, così da fare acquisti consapevoli, che facciano bene sia alla nostra salute che a quella del pianeta.

Se a questo aggiungiamo anche prodotti a Km 0 e biologici, abbiamo vinto all’enalotto!

Vediamo insieme quali sono le verdure e la frutta della stagione di settembre.

Verdura:

bietola, cavolo cappuccio, cetriolo, catalogna, cipolla, fagioli, funghi, lattuga, melanzana, patate, pomodoro, peperone, rabarbaro, ravanello, rucola, scalogno, zucchina, zucca.

Frutta:

anguria, corniola, fichi, fichi d’India, giuggiola, lime, mango, mele, melone, mirtilli, more, pere, pesca, pesca noce, uva.

Ad esempio, sapevate che l’uva è un frutto sano, completo e molto gustoso? Merito del suo contenuto in zuccheri, fino a 150 grammi per chilo, che non deve comunque preoccupare: si tratta di glucosio e levulosio, zuccheri in una forma direttamente assimilabile e concessi, sotto controllo medico, anche ai diabetici.

Uva

È ricca di vitamina A e B1. Contiene vitamina PP e C e molti sali minerali tra cui manganese, calcio, magnesio, potassio, ferro, sodio. Questo mix di vitamine e minerali ne fà un alimento ideale per stimolare il lavoro del fegato, per disintossicare l’organismo, rimineralizzare e contrastare l’anemia.  La presenza di acido fosforico e silice rende l’uva un frutto energetico per i muscoli e il sistema nervoso, particolarmente consigliato alle donne in gravidanza e ai bambini in crescita.

Quindi… meno vino e più uva!

Le ricette con questi alimenti sono infinite, da quelle dolci a quelle salate; e quando un piatto è colorato, è sicuramente buono.

Cerchiamo di variare sempre la lista della spesa e sfruttare al massimo tutti i doni che la natura ci regala.