Omelette speck, provola e zucchine per Arisa

0
1822

omelette

 Di Moreno Amantini

Omelette speck, provola e zucchine per Arisa.

Cari amici e care amiche di Fashion News Magazine ben trovati!

 

Il post Sanremo anche quest’anno ha lasciato un po’ di amaro in bocca. Non solo il Festival sembra sia calato negli ascolti ma sembrerebbe anche che la vincitrice di questa edizione, Rosalba Pippa, alias Arisa sia stata accusata di plagio. Trionfatrice con il brano “Controvento” la dolce Arisa ha suscitato non poche polemiche. Sembrerebbe infatti che la sua intro sia identica alla canzone “Entra nel Cuore” di Micol Barsanti, cantautrice trentacinquenne il cui unico disco è stato prodotto da Jovanotti nel 2007. In tutto questo baccano il primo posto al Festival potrebbe essere messo in discussione. Un’edizione decisamente non fortunata dal punto di vista delle canzoni visto che un altro concorrente, Sinigallia, durante la manifestazione, è stato squalificato per aver precedentemente presentato in altri Festival la sua canzone. Quasi come se i concorrenti non leggessero il regolamento! Ma torniamo ad Arisa.


Plagio o non plagio a me personalmente la canzone non dispiace e, anche il look della giovane cantante mi sembra decisamente migliorato. Tolti gli occhiali della nonna e abbandonate le gonnelline un po’ retrò, Arisa ha lasciato spazio ad un look più sobrio, maturo ed elegante. Galeotta fu sicuramente la sua partecipazione televisiva a “Victor Victoria”, il programma televisivo condotto da Vittoria Cabello che ha dato ad Arisa un’immagine più sexy e meno da bambina. Del resto Arisa ci aveva già dato prova della sua maturità e della sua grinta quando, in veste di giudice ad “X Factor”, aveva accusato pubblicamente Simona Ventura di essere una falsa ed un giudice poco credibile.

Tornando ad Arisa cantante, trovo che la sua voce sia davvero formidabile e il contrasto tra il parlato e il cantato è a dir poco spettacolare. Un voto? Un bell’otto pieno. Non so cosa accadrà e non so se Arisa verrà spodestata dal trono di reginetta sanremese 2014 però sono sicuro che la sua canzone, già passata e ripassata in radio, avrà il meritato successo. E poi, diciamoci la verità, parlare di plagio mi sembra un tantino esagerato visto che di musica trattasi e che le note sono sempre quelle. Sette. Vuoi o non vuoi, ci saranno sempre canzoni che si assomiglieranno. Per me quello che conta, oltre naturalmente alla musica e alla melodia, è il messaggio che si vuole comunicare.

Quella di Arisa è una canzone che parla di amore e, in un momento storico come quello che stiamo vivendo, credo ci sia davvero bisogno di canzoni leggere che trasmettono serenità e amore. Detto questo, vorrei dedicare la mia ricetta di oggi proprio ad Arisa augurandole che, Sanremo o non Sanremo, il suo percorso artistico possa proseguire alla grande.

Prepariamo insieme un piatto leggero, veloce e sfizioso: una Omelette allo spek e scamorza con zucchine stufate al vino bianco e rosmarino.

Ci occorrono: 3 uova, del latte, tre fette di spek, un paio di fette di scamorza, due zucchine, del parmigiano grattugiato, rosmarino, olio, vino bianco, sale e pepe.
Prima di tutto sbattete in una terrina, con l’ausilio di una forchetta, le uova. Aggiungete mezzo bicchiere di latte, del sale e un po’ di pepe.
Versate il tutto in una padella anti aderente (meglio se quella da crepes) e fate cuocere ambo i lati la vostra omelette.
Nel frattempo tagliuzzate la zucchine e, in una padella a parte, fatele cuocere a fuoco vivo con un filo di olio, un bicchiere di acqua, mezzo bicchiere di vino, sale, pepe e rosmarino.
Prendete la vostra omelette e all’interno aggiungete la fette di spek e le fette di scamorza.
Spolveratela di parmigiano grattugiato e passatela in forno preriscaldato e ventilato a 180° per cinque minuti.
Impiattate l’omelette con le zucchine e servite il tutto caldo. Bon apetit!

omelette1

Dal mondo dei Vip e della cucina per il momento è tutto. Ci vediamo, anzi, ci leggiamo la prossima settimana! Mi raccomando, “Occhio al Vip e… leccatevi i baffi!”

 Per leggere tutti gli articoli della rubrica “Come ti cucino il Vip“, clicca qui.