4 Agosto, #nottebiancadelciboitaliano!

Per l'occasione da Eataly i dolci di Pellegrino Artusi: Dolce Firenze, Dolce Torino e Dolce Roma.
0
73

Sapevate che il 2018 è l’anno del cibo italiano? Siamo tra i migliori cuochi del pianeta e la nostra dieta mediterranea è sempre in pole position nelle classifiche mondiali! A tal proposito, oh voi, amanti dei social, segnatevi l’hashtag #annodelciboitaliano e condividete tutto ciò che mette in risalto le bontà culinarie della vostra terra. Dalla pizza al vino, dai formaggi ai dolci, dall’agricoltura biologica alle tradizioni gastronomiche.

Inoltre, data l’occasione, è in corso il gran tour della “Notte Bianca del Cibo italiano”, voluto dal Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo in accordo con il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Da Rimini a Piacenza, passando per Bologna e Forlimpopoli, il 4 agosto arriverà a Torino e sarà dedicata a Pellegrino Artusi, scrittore, gastronomo e critico letterario italiano, nato proprio in questa data, nell’anno 1820.

In questa giornata, negli Eataly di Torino, Firenze e Roma saranno proposti i dolci che Pellegrino Artusi, nella sua opera più famosa “La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene”, presenta come simbolo delle 3 città protagoniste dell’Unità d’Italia: “Dolce Torino”, “Dolce Firenze” e “Dolce Roma”.

Seguendo le ricette dell’Artusi, gli chef di Eataly interpreteranno le materie prime del territorio, creando dei dessert simbolo delle eccellenze locali. Nel caso del “Dolce Torino” gli ingredienti principali sono infatti i savoiardi e il cioccolato; il “Dolce Firenze” è invece un semplice ma gustoso tortino di pane, crema di uova e uva sultanina che il gastronomo ha assaggiato per la prima volta nella città toscana; infine il “Dolce Roma”, a base di mele, deve il suo nome al fatto che un signore appunto di Roma aveva spedito ad Artusi la ricetta.

Da sinistra: Dolce Firenze, Dolce Torino, Dolce Roma

I tre dolci sono un omaggio al maestro gastronomo che ha reso la cucina un oggetto di studio e di interesse a tutti i livelli, trasversalmente alle realtà geografiche e ai ceti sociali: obiettivo che Eataly si propone di perseguire, nella convinzione che “mangiare bene aiuta a vivere meglio“!