Il pane integrale di #bimbieforchette – Ricette da fare in casa con i bimbi

La rubrica del direttore di FNM, Barbara Molinario, che a casa con la figlia Cecilia, ci propone ogni giorno una nuova ricetta da realizzare con i propri familiari #iorestoacasa
0
647

Tantissimi gli italiani  che, in questo periodo di quarantena, si stanno dedicando alla panificazione sfornando pane di ogni tipologia.

Su #bimbieforchette arriva il profumo intenso del pane integrale il cui sapore sarà caratterizzato dal tipo di farina che andrete a scegliere. Dal farro integrale, ai grani antichi come Senatore Cappelli, Russello, Timilia o Castelvetrano per citarne alcuni.

Rispetto alle farine raffinate, quelle integrali hanno proprietà nutrizionali più elevate ed è stato osservato che il loro glutine ha una struttura diversa da quella delle farine tradizionali. Questo rende il pane integrale più facile da assimilare e meno dannoso per l’organismo. I grani antichi, in particolare, hanno un impatto glicemico inferiore rispetto ai grani moderni e contengono, inoltre, meno citochine infiammatorie.

Accendiamo i forni, dunque! Se siete nel mood della panificazione non perdete la video ricetta di #bimbieforchette realizzata dal nostro direttore, Barbara Molinario, e dalla piccola Cecilia.

La ricetta del pane integrale

Ingredienti:

250 gr di farina integrale

250 gr farina bianca

300 ml di acqua

5 gr di lievito di birra fresco oppure 2 di secco

12 gr di sale

Un cucchiaino di zucchero

Procedimento:

Unire le due farine con il lievito di birra fresco sbriciolato e lo zucchero, quindi aggiungere l’acqua e cominciare ad impastare; quando l’impasto ha preso corpo aggiungere il sale. Amalgamate bene tutti gli ingredienti, in planetaria o a mano, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, ci vorranno 10 minuti circa. Se volete potete aggiungere un cucchiaio di olio per ammorbidire l’impasto. Formate una palla e mettetela a lievitare, coperta da un panno, in un luogo caldo ed al riparo da spifferi finché non raddoppia di volume, ci possono volere 4/5 ore.

Quando vedete raddoppiato il volume dell’impasto, prendetelo impastatelo di nuovo facendo delle pieghe su se stesso almeno una quindicina di volte. Dividetelo e create la forma che più vi piace, noi abbiamo fatto dei filoncini tipo baguette, ma potete creare anche delle pagnottelle, quindi metteteli nuovamente a lievitare per un’ora. Ad un filoncino abbiamo anche aggiunto dei semi di lino e girasole sia mentre rimpastavamo che in superficie.

Passato il tempo di lievitazione, cuoceteli in forno già caldo a 200 gradi per 20 minuti, poi abbassate a 180 gradi per 10 minuti. Per avere la crosta croccante, ponete un pentolino pieno di acqua nel forno, così si creerà del vapore, se avete il forno a vapore usatelo. Se avete creato delle pagnottelle, fate dei tagli in cima.

Potete anche preparare il pane con tutta la farina integrale, ma tenete presente che la mollica sarà più compatta.

Scopri tutte le ricette di #bimbieforchette clicca qui!

#bimbieforchette

La nuova rubrica di Fashion News Magazine, #bimbieforchette , è stata ideata dal nostro direttore Barbara Molinario. A seguito della decisione di rendere tutta l’Italia zona rossa, abbiamo deciso di diffondere queste video ricette per dare uno spunto a genitori e bimbi che restano a casa da scuola e lavoro. Un’idea per divertirsi insieme e superare nel modo più creativo e divertente an0che un periodo difficile come questo. Il nostro direttore, in compagnia della figlia Cecilia, ci proporranno ogni giorno una diversa ricetta e qualche spunto di conversazione.

Il lato positivo:

Vogliamo concentrarci su ciò che di buono possiamo prendere da questa situazione drammatica e quasi “cinematografica” che stiamo, purtroppo, vivendo. Il lato positvo: passeremo più tempo con i nostri cari, ci dedicheremo a tutte quelle cose che non abbiamo il tempo di fare (come cucina, lettura, ascolto di buona musica, fai da te, pittura, artigianato, scrittura e tutte le attività creative che si possono fare in casa), ridurremo l’inquinamento atmosferico, rallenteremo con i ritmi frenetici della vita quotidiana e daremo un freno alle spese superflue della società del consumismo.

E chissà che questo non ci porti ad un’Italia più consapevole. Chissà che questo periodo nero non ci faccia poi riscoprire il valore di tutto ciò che ci è sempre sembrato scontato.