La pizza bianca di #bimbieforchette – Ricette da fare in casa con i bimbi

La rubrica del direttore di FNM, Barbara Molinario, che a casa con la figlia Cecilia, ci propone ogni giorno una nuova ricetta da realizzare con i propri familiari #iorestoacasa
0
606

#Bimbieforchette vi propone un classico fra i lievitati: la pizza bianca. Tipica di Roma, diventa un’alternativa più golosa al pane ma anche perfetta da tagliare a quadratini e farcire per l’happy hour!

Si può accompagnare agli affettati, al formaggio ed alle verdure, sia crude che cotte. A differenza della focaccia, la pizza bianca è molto più leggera e alveolata, con una superficie croccante che la rende davvero irresistibile.

Non perdete tutti i passaggi nella video ricetta realizzata dal nostro direttore, Barbara Molinario, e dalla piccola Cecilia.

La ricetta della pizza bianca

Ingredienti per l’impasto:

250 gr di farina di grano tenero

250 gr di farina Manitoba (se non l’avete, non fa nulla, utilizzate la farina che avete in casa)

300 gr di acqua

10 gr di lievito di birra fresco (oppure 5 grammi di lievito secco)

un cucchiaino di zucchero

12 gr di sale

2 cucchiai d’olio extravergine di oliva

Per condire:

Olio d’oliva a piacere

Sale grosso quanto basta

Rosmarino a piacere

Per farcire:

Affettati a piacere, noi abbiamo scelto la mortadella

Procedimento:

Sciogliere il lievito di birra fresco nell’acqua con un cucchiaino di zucchero, noi usiamo quello di canna, ma va bene anche bianco. Se utilizzate il lievito secco non serve scioglierlo, mettetelo direttamente nella farina.

Ponete la farina nella planetaria, o su una spianatoia, unite l’acqua nella quale avrete sciolto il lievito, quando il composto comincia a prendere forma, aggiungere il sale, poi l’olio, quindi lavorate fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti, e finché l’impasto risulterà liscio e teso, in planetaria 7/8 minuti.

Lasciate riposare la pasta in un contenitore chiuso da un coperchio e lasciate lievitare fino al raddoppio (circa 2 ore) in un luogo caldo, al riparo da spifferi, anche in forno spento va bene.

Una volta lievitato, stendete la pasta alta 1 centimetro e mezzo circa in una leccarda cosparsa di olio d’oliva, oppure in una taglia (verranno due pizze), lasciate nuovamente lievitare la pasta fino al raddoppio coperta da un panno, così non si secca la superficie.

Quando sarà bella gonfia, accendete il forno a 190 gradi, nel frattempo che si scalda il forno, condite la pizza con sale grosso, rosmarino e abbondante olio (2/3 cucchiai) spargendolo su tutta la pizza, senza schiacciare.

Infornare a 190 gradi per 25 minuti, o finché sarà dorata. Ancora calda, tagliatela a pezzi, apritela in due e farcitela con la mortadella… può essere mangiata fredda, e sarà morbida anche il giorno dopo…

Scopri tutte le ricette di #bimbieforchette clicca qui!

#bimbieforchette

La nuova rubrica di Fashion News Magazine, #bimbieforchette , è stata ideata dal nostro direttore Barbara Molinario. A seguito della decisione di rendere tutta l’Italia zona rossa, abbiamo deciso di diffondere queste video ricette per dare uno spunto a genitori e bimbi che restano a casa da scuola e lavoro. Un’idea per divertirsi insieme e superare nel modo più creativo e divertente an0che un periodo difficile come questo. Il nostro direttore, in compagnia della figlia Cecilia, ci proporranno ogni giorno una diversa ricetta e qualche spunto di conversazione.

Il lato positivo:

Vogliamo concentrarci su ciò che di buono possiamo prendere da questa situazione drammatica e quasi “cinematografica” che stiamo, purtroppo, vivendo. Il lato positvo: passeremo più tempo con i nostri cari, ci dedicheremo a tutte quelle cose che non abbiamo il tempo di fare (come cucina, lettura, ascolto di buona musica, fai da te, pittura, artigianato, scrittura e tutte le attività creative che si possono fare in casa), ridurremo l’inquinamento atmosferico, rallenteremo con i ritmi frenetici della vita quotidiana e daremo un freno alle spese superflue della società del consumismo.

E chissà che questo non ci porti ad un’Italia più consapevole. Chissà che questo periodo nero non ci faccia poi riscoprire il valore di tutto ciò che ci è sempre sembrato scontato.