A Paris Fashion Week anzitutto la sostenibilità con il fashion show di Stella McCartney

Uno sguardo sulle passerelle di Thom Browne, Stella McCartney, Giambattista Valli, Alexander McQueen
0
170

Si è da poco conclusa la Paris Fashion Week SS 2020, l’appuntamento della capitale francese con la moda ha visto in passerella le nuove collezioni primavera estate 2020 delle maison, il 29 settembre in scaletta anche il fashion show di Thom Browne, il 30 settembre è stata la volta di Stella McCartney, Giambattista Valli e Alexander McQueen.

Atmosfera incipriata da Thom Browne. Sulla passerella di Paris Fashion Week sfilano dame di corte con crinoline in bella vista e corsetti ben allacciati, impalcature che reggono le gonne così come le alte acconciature coperte da veli corti. La giacca, che sia lunga o più corta sembra farla da padrona e la palette cromatica è quella delle nuance pastello, dal rosa baby al giallo al verde menta in tonalità molto chiare, quasi a voler ricordare i colori di confetti, meringhe e macarons, ça va sans dire.

Stella McCartney presenta a Paris Fashion Week una new collection sempre più ecosostenibile, percentuale altissima di zero impact visto che ben il 75% dei capi presentati in passerella hanno un’animo green. La sfilata della designer britannica propone capi del guardaroba maschile rivisitati in versione più morbida, ampie giacche doppiopetto da portare aperte su camicie accollate oppure nella versione più lineare con cinta in vita. Trench coat che coprono l’intera figura con dettagli arricciati a creare movimento sulle lunghezze, gonne midi e pantaloni fluidi che scivolano senza appesantire, una collezione rigorosa e abbottonata ma che lascia respirare il corpo della donna proprio come il pianeta. Ai piedi sandali incrociati, le borse grandi o piccole da portare a mano creano giochi di intrecci, in testa visiere a rete e occhiali a maschera. I colori spaziano dal gessato black&white fino al noisette e azzurro polvere, con qualche tonalità più accesa di arancio e blu intenso.

Si respira aria diversa da Giambattista Valli, che ha presentato la sua nuova collezione primavera estate 2020 durante il calendario di Paris Fashion Week. Mini dress tagliati dal mood più ingenuo, sfondo panna e ricami di fiorellini, vestiti rosa confetto o azzurro con maniche scese a palloncino, qui il trench primaverile è in versione più femminile con ricami di fiori. Lunghezze midi e gonne ampie in fantasie di fiori dalle delicate tonalità del rosa cipria, una donna sicuramente più ingenua e romantica per una primavera estate che lascia le spalle scoperte e omaggia la bella stagione con tripudi floreali dai toni tenui.

La primavera estate di Alexander McQueen sarà very strong ma avrà la leggerezza del lino irlandese, il messaggio è chiaro e deciso proprio come la donna che sfila in passerella. Una dark lady sicura di sé ma piena di contrasti proprio come le creazoni che sembrano rigorose e invece sono morbide ed eleganti. Due i colori principali, il Black & White lascia poco spazio ad altre tonalità, il netto distacco è dato dal white lace unito alla pelle, gonne a spicchi, boots ai piedi e black belts che mantengono la vita ben stretta.

A cura di Melania Massa